Skip to main content
Category

Alimentazione

alimentazione del barboncino

Alimentazione del Barboncino

By Alimentazione No Comments

Alimentazione del Barboncino: come mantenerlo sempre in salute

alimentazione del barboncino

Il Barboncino è un cane da compagnia di taglia piccola ed è tra le razze più apprezzate ed amate in Italia e nel mondo. 

Ha un portamento elegante, un mantello folto e riccio senza sottopelo, caratteristica che fa sì che non faccia la muta e quindi non perda pelo.

E’ considerato una razza ipoallergenica, ideale per chi soffre di allergia al pelo di cane e per chi non vuole ritrovarsi con i vestiti da spazzolare e la casa piena di pelo.

Ha un carattere allegro e solare, non è possessivo e va d’accordo con tutti. Non è diffidente verso gli estranei, tollera bene la compagnia dei bambini e si adatta perfettamente a vivere con altri animali, gatti inclusi.

Ce ne sono 4 taglie, tutte con un peso specifico, ma è importante alimentarlo correttamente perché non ingrassi e non sviluppi patologie legate al sovrappeso o all’obesità.

Il peso indicativo del Barboncino per taglia è il seguente:

  • Barboncino toy altezza al garrese 23-28 cm, peso è di circa 4-5 kg
  • Barboncino nano altezza al garrese 28-35 cm, peso 6-8  kg
  • Barbone medio altezza al garrese 35-45 cm, peso 9-12 kg
  • Barbone standard altezza al garrese 45-60 cm, peso 15-25 kg.

C’è una dieta ideale per mantenere il Barboncino in salute? E qual è il modo migliore per alimentarlo? Vediamo di rispondere in modo semplice alle più comuni domande che ci fanno gli utenti riguardo all’alimentazione del Barboncino.

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
cosa mangia il barboncino

Cosa mangia il Barboncino?

Il tipo di alimentazione dipende prevalentemente dalla scelta del padrone: c’è chi preferisce le classiche crocchette e chi sceglie un approccio più naturale, la dieta casalinga o la dieta BARF.

La dieta casalinga, se correttamente preparata, offre cibi di maggiore qualità rispetto ai croccantini, ma può essere carente di alcune vitamine e minerali.

Le crocchette invece sono pratiche e bilanciate, ma devono essere di alta qualità e bisogna imparare a leggere le informazioni relative agli ingredienti, oltre a scegliere quelle più adatte per taglia, razza ed età.

Qual’è quindi la scelta migliore, e come orientarsi tra le centinaia di prodotti industriali presenti sul mercato? E riguardo al cibo umido, quanto e quando può essere utilizzato? E’ indicato per il barboncino o potrebbe fargli male?

dieta casalinga del barboncino

La dieta casalinga per il Barboncino

Valgono per il Barboncino le stesse regole che valgono per tutti i cani: la dieta casalinga deve essere bilanciata, contenere tutti i nutrienti necessari per il benessere del cane ed essere composta esclusivamente da alimenti crudi o bolliti, senza grassi, sale e condimenti.

Il linea di massima il mix alimentare dovrebbe essere così composto:

  • 50% proteine animali (minimo, ma può essere aumentato a discapito di verdure e carboidrati)
  • 25% verdure
  • 25% carboidrati

Gli alimenti migliori per il Barboncino sono:

  • Carne
  • Interiora (solo una volta a settimana)
  • Pesce
  • Cereali
  • Frutta e verdura adatta al cane
  • Una volta ogni tanto uova e un po’ di formaggio.

Per saperne di più sulla dieta casalinga del cane leggi qui.

Per saperne di più sugli alimenti sconsigliati leggi qui.

le crocchette per il barboncino

Le crocchette per Il Barboncino

Il Barboncino è così diffuso che in commercio ci sono persino crocchette specifiche per i Barboni e per i loro problemi più comuni.

Alcune sono pensate per combattere alcuni dei problemi tipici di questa razza, che spesso soffre di epifora, la fastidiosa lacrimazione rossa, o di allergie alimentari o del pelo. 

Ce ne sono alcuni per cani che soffrono di  dermatite, di pancreatite o di problemi gastrointestinali, oltre che quelli per cani senior o junior.

Ma come destreggiarsi scegliendo il meglio anche tra i marchi che offrono prodotti di buona qualità? Leggere le etichette non è sempre facile, e cosa significano quei nomi strani?

In generale  quello che troverai sulla confezione è descritto nel modo seguente:

  • Proteine grezze: 22%-24% per il cane adulto, mentre il cibo junior ne conterrà il 27%-30%. Attenzione anche alla qualità delle proteine, perché spesso le cosiddette crocchette al pesce ne contengono solo il 4%, il resto sono prodotti diversi.
  • Grassi grezzi: 10%-20%. Quelli più indicati sono gli acidi grassi polinsaturi, gli Omega 3 e gli Omega 6, (ambedue purtroppo spesso carenti nel cibo industriale poiché irrancidiscono velocemente.
  • Fibra grezza: spesso è presente in quantità minima, circa il 2,5%-5%, ma non deve mancare perché serve a regolare la funzione intestinale nel cane, che non la digerisce ma la espelle attraverso le feci.
  • Ceneri grezze: è la dicitura con la quale si indicano i sali minerali.
  • Carboidrati: presenti per circa il 20%, ma non se ne indica il tipo o a volte vengono addirittura omessi..

Umidità: anche il cibo secco contiene acqua, che generalmente è presente per 8%-10%.

il cibo umido per il barboncino

Il cibo umido per i Barboncini

 cani lo gradiscono molto poiché è più saporito e appetitoso, ma non va somministrato come unico alimento.

Se è vero che contiene più acqua delle crocchette e garantisce una maggiore idratazione è spesso meno completo in termini di vitamine e minerali, oltre ad avere un costo maggiore e a deteriorarsi molto velocemente.

E a differenza di una credenza comune, non andrebbe mischiato con le crocchette. Va quindi utilizzato solo in occasioni speciali.

Molti dei cani alimentati esclusivamente o in maggioranza con cibo umido tendono a soffrire di diarrea, per cui attenzione alla consistenza delle feci.

cibo migliore per il barboncino

Qual'è il cibo migliore per il Barbone?

Purtroppo non si può generalizzare. La dieta ideale può variare da soggetto a soggetto e in base a tanti fattori, ma è principalmente una scelta del proprietario.

Ambedue hanno vantaggi e svantaggi, per cui la cosa migliore è parlarne con il veterinario, in particolare nel caso in cui il cane soffrisse di una patologia che può essere influenzata dal tipo di dieta.

Tra i fattori da considerare ci sono l’età, il livello di esercizio, la condizione di salute attuale del cane, l’eventuale stato di gravidanza o post parto, lo stato dei denti ed eventuali allergie.

Le feci possono aiutarci a capire se l’alimentazione è corretta: se hanno la giusta solidità e consistenza il cane sta bene, se al contrario fossero gelatinose, molli o del colore sbagliato potremmo dover rivalutare la dieta.

E non dimentichiamo la quantità di esercizio: se il cane fa molto movimento lo si potrà alimentare con una quantità leggermente maggiore di cibo, mentre se è totalmente inattivo o quasi si dovrà fare maggiore attenzione alle calorie.

E niente abusi con gli snack, che possono essere molto calorici: meglio limitarsi a uno al giorno, oppure offrire un pezzo di carota bollita o un bocconcino di mela.

Per sapere quale frutta è consigliata per il cane leggi qui.

quanto mangia il barboncino

Quanto deve mangiare il Barboncino?

Come dicevamo, la quantità di cibo dipende dall’età e dai fattori di cui abbiamo parlato nel paragrafo precedente (un cucciolo dovrà mangiare più del doppio di un cane anziano).

C’è però una semplice formula che ci consente di fare un calcolo approssimativo:

  • Barboncino cucciolo 6-7% del peso corporeo
  • Barbone adulto 3-4% del peso corporeo

In poche parole, un cucciolo di 1 kg dovrà mangiare circa 70 grammi di cibo fresco, mentre per un cane adulto di 4 Kg si dovranno preparare dai 120 ai 150 grammi di mix alimentare al giorno.

Tutto è più semplice con le crocchette: basterà attenersi alle indicazioni presenti sulla confezione.

quando mangia il barboncino

Quando deve mangiare il Barboncino?

Nel caso delle taglie piccole è raccomandabile somministrare due pasti al giorno e non uno unico: il cane si manterrà leggero e i pasti saranno una piacevole distrazione dalla routine quotidiana. 

Se al cane adulto spesso viene somministrato solo un pasto, il mio consiglio è quello di alimentarlo comunque due volte al giorno, esattamente come si fa per la piccola taglia.

integratori per il barboncino

Come posso migliorare la dieta del mio Barbone?

Le crocchette dovrebbero contenere tutto quello di cui il cane ha bisogno, ma il Barboncino potrà beneficiare degli stessi integratori consigliati a chi opta per la dieta casalinga :

  • Multivitaminico
  • Glucosamina
  • Omega 3
  • Probiotici
  • Vitamine per rinforzare il sistema immunitario
  • Prodotto specifico per la lacrimazione rossa a base di alga spirulina e betacarotene.

Come sapere se il mio Barboncino è in salute?

E’ importante fare attenzione al comportamento del cane: se un Barboncino vitale ed energico improvvisamente appare letargico, piuttosto stanco, appesantito o assume comportamenti strani potrebbe esserci un problema.

I cani che soffrono di allergie alimentari ad esempio tendono a leccarsi compulsivamente le punte delle zampe.

La lacrimazione rossa peggiora in presenza di problemi gastrointestinali o di allergie alimentari, ed è un indicatore che non va sottovalutato.

E come dicevamo, aspetto e consistenza delle feci in primis. Se il cane ha la diarrea o le feci sono molli o gelatinose probabilmente non lo stiamo alimentando correttamente.

Molta attenzione anche al pelo, che deve avere un aspetto lucente ed essere morbido e setoso, e ben distribuito su tutto il corpo. E il Barboncino non dovrebbe perderlo, per cui se l’evento si presenta potrebbe soffrire di carenze alimentari.

E se cambiando la dieta il problema non si risolve niente fai da te a oltranza, il cane va portato dal veterinario.

Posso cambiare la dieta del mio Barboncino?

Si, ma molto gradualmente. Il cane è un animale che non ama molto i cambiamenti, soprattutto se stai passando dal cibo in lattina o dalla dieta casalinga alle crocchette che sono meno saporite.

Abitualo gradualmente alla nuova dieta, ci vorrà qualche giorno ma basta insistere un poco e presto inizierà ad apprezzare la nuova pappa.

Dallo Staff di Cani Piccoli

Sai quanto importante sia fare la scelta giusta riguardo l’alimentazione di un cucciolo o un cane adulto, per cui meglio informarsi esattamente su quale sia il cibo più indicato per lui. Trova tante informazioni su canipiccoli.it

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
alimentazione del maltese

Alimentazione del cane Maltese

By Alimentazione No Comments

Alimentazione del cane Maltese: tutto quello che devi sapere

alimentazione del maltese

Il Maltese è un cane di piccola taglia, ed è uno delle razze più diffuse tra i cani d’appartamento e da compagnia.

Ha le zampe corte, un carattere allegro, è molto affezionato alla famiglia, ha una buona energia ed è attivo, ma senza esagerazioni.

Generalmente il suo peso varia dai 3 ai 4 kg. Ha il manto naturalmente liscio, lungo e serico, a crescita continua e senza sottopelo.

E’ una razza definita ipoallergenica, ovvero che non fa la muta e quindi non perde pelo.

Il Maltese è un cane di piccole dimensioni e di peso leggero, e deve restare tale. Per questo va fatta molta attenzione al tipo di alimentazione.

Somministrare cibo grasso, di scarsa qualità e in quantità eccessiva può essere causa di sovrappeso e di conseguenza di varie patologie che dovrebbero assolutamente essere evitate.

Ma vediamo di rispondere in modo semplice e chiaro alle più comuni domande che riguardano l’alimentazione del cane Maltese.

Proviamo a fare chiarezza sull’argomento e a darti qualche utile consiglio per mantenere le orecchie di Fido in ottima salute.

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
cosa mangia il maltese

Cosa mangia il cane Maltese?

In base alle scelte del padrone il Maltese potrà consumare alimenti industriali secchi e umidi oppure pasti equilibrati preparati appositamente per lui.

Ambedue le scelte offrono svantaggi e vantaggi: la dieta a base di crocchette, se di buona qualità, dovrebbe fornire tutti i nutrimenti necessari per mantenere il cane in buona salute.

E’ purtroppo risaputo che spesso le case produttrici non utilizzano gli ingredienti migliori per i mangimi per cani, e che quelli a basso prezzo spesso non sono bilanciati.

Mentre la dieta casalinga, che se preparata correttamente sembra essere la soluzione più salutare, potrebbe scarseggiare in vitamine e minerali ed essere causa di carenze nutrizionali nel cane.

Qual’è quindi la soluzione migliore, e come orientarsi tra i vari tipi di alimenti industriali? Ti possiamo aiutare con alcuni consigli su come scegliere il cibo più adatto al tuo piccolo amico.

dieta casalinga maltese

La dieta casalinga per il Maltese

In linea di massima il Maltese, così come gli altri cani, dovrebbe consumare cibo fresco di buona qualità, con pochi grassi, bollito o crudo e non condito.

Preparare pasti bilanciati non è difficile: basterà creare un misto alimentare così composto:

  • 50% proteine animali
  • 25% verdure
  • 25% carboidrati

Tra gli alimenti consigliati ci sono:

  • Carne
  • Interiora (solo una volta a settimana)
  • Pesce
  • Cereali
  • Frutta e verdura adatta al cane
  • Solo occasionalmente uova e un po’ di formaggio.

Gli alimenti devono essere somministrati bolliti (o crudi, nel caso si scegliesse la dieta BARF) e senza condimenti di alcun tipo.

Per saperne di più sulla dieta casalinga del cane leggi qui.

Per saperne di più sugli alimenti sconsigliati leggi qui.

le crocchette per il maltese

Le crocchette per cani Maltesi

In commercio si trovano prodotti specifici per Maltesi (in particolare contenenti ingredienti che dovrebbero limitare il problema della fastidiosa lacrimazione rossa), per piccoli terrier, per cani senior, adulti, cuccioli e così via.

Ce ne sono per la dermatite, per le allergie, per i problemi gastrointestinali… c’è solo l’imbarazzo della scelta. Ma come orientarsi di fronte a tanta offerta?

Per scegliere il prodotto giusto bisogna saper leggere le etichette: è importante acquistarne uno che contenga tutti i nutrienti necessari per mantenere il nostro amico a quattro zampe in ottima salute.

  • Proteine grezze: 22%-24% per il cane adulto e 27%-30% per il cane cucciolo. Attenzione anche alla qualità delle proteine.
  • Grassi grezzi: 10%-20%. I migliori sono gli acidi grassi polinsaturi, gli Omega 3 e gli Omega 6, purtroppo spesso carenti nel cibo industriale (irrancidiscono facilmente).
  • Fibra grezza: è presente in piccole quantità, circa il 2,5%-5%, ma è importante perché serve a regolare la funzione intestinale nel cane. Non viene digerita ma viene espulsa attraverso le feci.
  • Ceneri grezze: è la dicitura con la quale si indicano i sali minerali.
  • Carboidrati: generalmente sono presenti per circa il 20%, ma non vengono indicati.
  • Umidità: anche il cibo secco contiene acqua, che generalmente è presente per 8%-10%.
cibo umido per il maltese

Il cibo umido per cani Maltesi

Il cibo umido è molto gradito al cane in quanto più gustoso delle crocchette, e fornisce maggior idratazione.

Sfortunatamente non è completo in termini di nutrienti come le crocchette, ha un costo maggiore ed è più difficile da conservare. E a differenza di quello che si crede, non andrebbe mischiato con le crocchette. E’ quindi una soluzione da considerare solo in particolari occasioni.

Qual'è il cibo migliore per il Maltese?

Quando si tratta di alimentazione non c’è una risposta precisa: la scelta del cibo dipende da vari fattori quali l’età, il livello di esercizio, lo stato attuale del cane.

Bisogna valutare se è in salute o ha patologie, se è in stato di gravidanza o post parto, se ha ancora i denti, se soffre di allergie…

Quando si verifica una di queste condizioni è sempre meglio rivolgersi al veterinario e discutere con lui caso per caso.

Un altro indicatore importante sono le feci: se troppo molli o gelatinose probabilmente dovremo cambiare leggermente il tipo di alimentazione, così come se il cane apparisse costipato.

quanto deve mangiare il maltese

Quanto deve mangiare il Maltese?

Non c’è un calcolo esatto riguardo le dosi del cibo, poiché come dicevamo ovviamente la quantità somministrata potrà variare in base al grado di attività del cane, all’età, all’eventuale stato di gravidanza o alla presenza di patologie.

Ma in linea di massima per calcolare i grammi di cibo casalingo si usa questa semplice formula:

  • Maltese cucciolo 6-7% del peso corporeo
  • Maltese adulto 3-4% del peso corporeo

Quindi un cucciolo di 1 kg dovrà mangiare circa 70 grammi di cibo fresco, mentre un adulto di 4 Kg dai 120 ai 150 grammi al giorno.

Per quanto riguarda le crocchette invece ci si dovrà attenere alle indicazioni presenti sulla confezione.

quando deve mangiare il maltese

Quando deve mangiare il cane Maltese?

Trattandosi in un cane di piccole dimensioni è meglio somministrare due pasti e non uno unico: il Maltese si manterrà leggero e i pasti saranno una gradita distrazione.

Come posso migliorare la salute del mio Maltese?

In aggiunta a quanto già contenuto nel cibo si possono somministrare integratori di vario tipo:

  • Multivitaminico
  • Glucosamina
  • Omega 3
  • Probiotici
  • Sistema immunitario

Ma ce ne sono molti altri, e per il Maltese può essere particolarmente utile quello per la lacrimazione rossa a base di alga spirulina e betacarotene.

Come sapere se il mio Maltese è in salute?

La prima cosa ovviamente è la vitalità del cane: se un cane vivace improvvisamente appare letargico e privo di energia potrebbe esserci un problema.

E nello specifico, parlando di alimentazione, i fattori chiave sono due: il pelo, che deve avere un aspetto lucente ed essere morbido e setoso, e le feci, che devono avere la giusta consistenza.

Altri elementi che possono servirci da indicatori per la salute di questa razza sono le macchie rosse sul muso (l’epifora, o lacrimazione rossa, può peggiorare in caso di allergie alimentari).

Oppure il fatto che il cane si gratti molto o si lecchi compulsivamente le punte delle zampe, evento che si verifica spesso in caso di allergie.

Qualunque cambiamento a livello fisico o psicologico del cane potrebbe indicare che ci sono carenze nutrizionali, e richiedere l’intervento del veterinario.

Posso cambiare alimentazione al mio Maltese?

Si, ma molto gradualmente. Il cane è un animale abitudinario e cambiamenti repentini potrebbero disturbarlo, soprattutto se stai passando dal cibo in lattina o dalla dieta casalinga alle crocchette che sono meno saporite.

Dallo Staff di Cani piccoli

Se questo post ti è stato d’aiuto per capire meglio le esigenze del tuo amico a quattro zampe non vorrai perdere gli altri post sulla salute, sulla cura e sull’educazione del cane. Vieni a scoprirli con noi!

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.

Cosa non può mangiare il cane: 55 alimenti sconsigliati

By Alimentazione No Comments

Cosa non può mangiare il cane: 55 alimenti sconsigliati

cosa non può mangiare il cane

Cosa può mangiare, e cosa non può mangiare il cane? E’ una domanda che ci siamo fatti tutti, e saperlo è importante per salvaguardare il benessere dei nostri animali.

Purtroppo tutti sappiamo quanto sia difficile resistere alla tentazione di allungare un bocconcino a Fido sotto il tavolo quando stiamo mangiando.

I cani sanno essere davvero insistenti quando vengono a chiedere cibo, e non accontentarli può essere molto difficile.

Cosa sarà mai un cubetto di cioccolato? Una patatina? Un biscotto? In fondo li mangiamo anche noi. E comunque nella vita bisogna essere felici. Gliene do solo uno!

Uno solo non gli farà mica male! Quante volte abbiamo sentito, o detto noi stessi, una di queste frasi? Se vogliamo essere sinceri, la risposta è tante!

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.

Le cattive abitudini dei padroni

Se è vero che allungare una patatina o un pezzo di biscotto al cane non lo uccide sul colpo e non lo fa ammalare, è altrettanto vero che somministrare spesso e in grandi quantità alcuni cibi potrebbe avere effetti tossici o comprometterne la salute.

Alcuni alimenti non sono tossici ma sono controindicati per il cane poiché potrebbero essere causa di problemi quali stomatite, pancreatite, colesterolo, diabete e obesità.

Altri sono tossici, ed altri ancora potrebbero provocare occlusione intestinale o molto peggio, come nel caso delle ossa di pollo appuntite, che potrebbero bucare intestino o pareti dello stomaco.

Nella maggior parte dei casi il consumo accidentale di questi cibi non avrà alcuna conseguenza per il cane: per chiarire, se ti cade un cioccolatino e Fido lo prende al volo non gli succederà nulla.

Dargli 1/4 di barretta di cioccolato al latte al giorno (per un totale di 25 grammi) non lo ucciderà, ma se un cane di 5 kg normalmente attivo deve consumare circa 400 calorie al giorno e quel pezzo di cioccolato ne ha 136, solo con quello siamo al 34% delle calorie giornaliere.

E ammontare calorico a parte, lo stiamo alimentando con un alimento ricco di zuccheri e grassi che non gli fanno bene, e che soddisfano il palato ma non saziano. Ne vale la pena?

Come destreggiarsi quindi tra i mille alimenti per umani che consumiamo quotidianamente, e quali non dobbiamo dare spesso o non dobbiamo dare mai al cane? Vediamo di fare un po’ di chiarezza in merito.

E per saperne di più sulla dieta casalinga per il cane leggi qui!

Alimenti dannosi per il cane

A seguire, una lista di cibi sconsigliati o vietati in ordine alfabetico. Attenzione: questo è un elenco generico, ma ogni animale è un caso a sé e potrebbe soffrire di allergie o intolleranze a determinati alimenti.

Motivo per il quale, anche se nella lista è indicata una tossicità minima, il prodotto in questione potrebbe essere particolarmente dannoso per il tuo cane.

In caso di dubbi evita, oppure rivolgiti al tuo veterinario di fiducia.

no avocado per il cane

Cibi che iniziano con A/B/C

Aglio

Come porro e cipolla è tossico per il cane e può essere causa di anemia emolitica, una patologia molto grave in cui il sistema immunitario inizia a distruggere i globuli rossi del sangue in quanto identificati come nocivi. I sintomi più comuni sono

  • debolezza
  • apatia
  • ipertermia
  • vomito
  • depressione
  • urine scure
  • decolorazione delle mucose

Agrumi

Limoni, arance e pompelmi possono essere causa di diarrea e vomito e bruciore di stomaco nel cane a causa di una sostanza tossica contenuta nella buccia, nei semi e anche nelle foglie.

Ma se viene consumata solo la polpa e in piccole quantità, ad esempio una fettina di mandarino o un pezzo di arancia, non succede nulla, e a molti cani gli agrumi dolci piacciono molto.

Per sapere quale frutta è consigliata per il cane leggi qui!

Albicocca

La polpa può essere consumata ma la pesca va sbucciata e il nocciolo deve essere rimosso, poiché può causare occlusione intestinale.

Avocado

Contiene una sostanza che si chiama persina e che ha un effetto tossico sul cane, ma solo in grandi quantità.

Data l’alta densità calorica è sconsigliato perché potrebbe essere responsabile di sovrappeso. E il seme potrebbe essere accidentalmente ingoiato e contiene anch’esso persina.

Se parliamo della polpa in sé stessa non è pericolosa, ma non è un alimento da inserire nella dieta del cane.

Bevande diet

Vietatissime poiché potrebbero contenere , che è tossico per i cani. Gli altri dolcificanti non sono tossici ma possono comunque causare problemi gastrointestinali.

Il cane non le dovrebbe consumare ma se lo fa controlla attentamente gli ingredienti

Bevande zuccherate

Le bevande zuccherate, ad esempio i succhi di frutta, non sono di per sé dannose per il cane ma se sono industriali e contengono molti zuccheri non gli fanno bene.

Bevande gassate

Da evitare assolutamente poiché potrebbero contenere xilytolo e quasi sempre contengono caffeina.

Biscotti

Zuccheri, lievito per dolci, cioccolato, frutta secca, uvetta… Evitali, ci sono tanti biscotti in commercio realizzati esclusivamente per i cani, utilizza quelli e non condividere con Fido la tua colazione.

Caffé /Caffeina

La caffeina è un eccitante e va evitata. Come non lasciamo che un bambino la consumi dobbiamo evitare che lo faccia anche il nostro amico a quattro zampe. Questo vale per tutti i prodotti contenenti caffè o caffeina.

Caramelle

Sono praticamente palline di zucchero e coloranti e potrebbero anche contenere xilitolo, oltre a poter causare rotture dei denti nel caso di quelle dure e soffocamento nel caso delle toffee. Avverti i bambini di non lasciarle in giro per casa.

Cavolo riccio

La recente moda dei cosiddetti superfoods, considerati preziosi alleati della salute umani, ha portato molti padroni a nutrire i propri animali con questa verdura.

Purtroppo non è la scelta giusta, in quanto contiene ossalato di calcio e isotiocianati che possono causare calcoli renali e intossicazione gastrointestinale.

Cibo per gatti

Nel lungo termine può essere dannoso poiché è formulato specificatamente per il gatto e i nutrienti non sono bilanciati adeguatamente per coprire il fabbisogno del cane, e potrebbero contenere taurina in eccesso.

Evita quindi di lasciare il cibo di Miao in un posto accessibile a Fido. I sintomi più comuni che potresti riscontrare se usassi un solo cibo per ambedue gli animali sono:

  • Obesità
  • Stomaco irritato
  • Insufficienza renale
  • Problemi epatici
  • Pancreatite

Ciliegie

I noccioli non solo possono causare ostruzione intestinale ma contengono amigdalina, una sostanza che una volta rielaborata dall’organismo si trasforma in cianuro e una volta in circolo nel sangue può rivelarsi fatale.

La polpa denocciolata può essere somministrata, ad esempio a un cane di piccola taglia si possono dare 3 o 4 ciliegie come snack se le gradisse.

Cioccolato

Questo è uno degli alimenti sconsigliati che regolarmente viene somministrato al cane, e come ci dicono tutti, per un cioccolatino non è mai morto nessuno. Ed è corretto, però vediamo quali sono i livelli di tossicità per peso e per tipo di cioccolato.

Indicativamente la quantità pericolosa media è la seguente:

Cani di taglia piccola (fino a 12 kg) gr 100

Cani di taglia media (12-25 kg) gr 200

Cani di taglia grande (oltre i 25 kg) gr 250

Per quando riguarda la tipologia di cioccolato, ecco i tipi più comuni in ordine dal meno al più pericoloso

  • Cioccolato bianco
  • Cioccolato al latte
  • Cioccolato fondente
  • Cioccolato da pasticceria
  • Cacao In polvere

Per entrare ancora più in dettaglio

  1. Un cane di 4 kg potrebbe avere effetti di tossicità piuttosto gravi o letali consumando 30 grammi di cioccolato per pasticcere, 100 grammi di fondente e 250 di quello al latte
  2. Un cane di 12 kg dovrebbe consumare 100 grammi di cioccolato per pasticcere, 250 grammi di fondente e 750
  3. Un cane di 30 kg sarà in pericolo dopo aver ingerito 200 grammi di cioccolato per pasticcere, 600 grammi di fondente e 1800 grammi di cioccolato al latte

Ovviamente questi sono numeri generici e non riguardano il singolo soggetto e il suo stato di salute, ma valori così alti non devono essere una scusa per allungare un cioccolatino dietro l’altro al nostro cucciolo. Anche se non lo uccide non gli fa bene, quindi dategli altri snack.

Attenzione ai bambini, che tendono a condividere con gli animali domestici.

Cipolla

Come porro e aglio è tossica per il cane e può provocare anemia emolitica, una patologia molto seria che spinge il sistema immunitario a distruggere i globuli rossi del sangue in quanto identificati come nocivi. I sintomi più comuni sono

  • debolezza
  • apatia
  • ipertermia
  • vomito
  • depressione
  • urine scure
  • decolorazione delle mucose
niente dolci per il cane

Cibi che iniziano con D/E/F

Dolci da forno

Lievito per dolci, zuccheri, burro, frutta secca, uvetta, cioccolato, dolcificanti… sconsigliati sotto tutti gli aspetti

Dolcificanti

Il più temuto è lo Xilitolo che può essere letale per il cane. Eritritolo, stevia, saccarina, aspartame, sucralosio e monk fruit non sono altrettanto pericolosi e il consumo occasionale non rappresenta un problema serio, ma in quantità eccessiva possono provocare diarrea e problemi gastrointestinali.

Erba cipollina

Come porro, cipolla e aglio può provocare anemia emolitica.

Fegato

Consumato in moderazione è un’ottima fonte di Vitamine A e Vitamine B, ferro, zinco, fosforo e rame, acidi grassi omega-3 ed omega-6.

Il consumo eccessivo (oltre 1, massimo 2 volte la settimana in piccole quantità) fornirà all’organismo una quantità eccessiva di vitamina A, che una volta assorbita agisce nell’organismo stimolando la sintesi e la differenziazione delle cellule.

Le conseguenze sono problemi muscolari, perdita del pelo, difficoltà motorie e dolori articolari dovuti alla proliferazione ossea stimolata dalla vitamine A. La sindrome viene definita “Cane di Legno”, appunto per gli evidenti problemi di movimento.

Frutta secca

Può essere causa di pancreatite a causa dell’alto contenuto di grassi e di conseguenza anche di sovrappeso. Il gruppo include tutta la frutta secca, in particolare noci, pistacchi, noci pecan e mandorle.

Le noci di Macadamia sono tossiche, mentre nocciole e arachidi possono essere consumate in quantità moderata ma solo se al naturale e sbucciate.

Funghi

Anche se teoricamente potrebbero essere quelli del supermercato, ovvero i classici prataioli, che non sono tossici, somministrare funghi al cane è sconsigliato perché li digeriscono male.

E non bisogna MAI fargli mangiare funghi raccolti nei boschi, anche se sono commestibili per noi o per altri animali.

il gelato non fa bene al cane

Cibi che iniziano con G/H/I

Gelato

Se ne assaggia un cucchiaio ogni tanto non succede niente, ma latticini e zuccheri non sono favorevoli a questi animali. Ed evita quelli che contengono caffè, rum, uvetta e cioccolato, oppure frutta secca. In commercio ci sono dei gelati per cani.

Gomma da masticare

Molte contengono Xilitolo che è tossico, ma anche quelle che non lo contengono, se erroneamente ingerite, potrebbero soffocare i nostri amici a quattro zampe.

Grasso, lardo e affini

Assolutamente vietati, causano pancreatite, gastroenterite e obesità.

Guscio d’uovo

Se è vero che se correttamente essiccato e polverizzato può essere dato come integratore crudo può essere molto pericoloso perché può bucare stomaco e intestino.

Insaccati

Spezie e sale in abbondanza, grassi e calorie in eccesso: tassativamente da evitare.

le noci di macadamia sono tossiche per il cane

Cibi che iniziano con L/M/N

Latte e latticini

Generalmente non sono tossici ma alcuni cani sono intolleranti o allergici. Bisogna quindi fare attenzione ad eventuali reazioni avverse quali vomito, diarrea, prurito e rossore della cute.

Il consumo va comunque limitato anche nei cani con buona tolleranza per evitare problemi di sovrappeso.

Lievito per dolci, lievito madre e altri tipi

Possono provocare gonfiore intestinale e una patologia chiamata torsione gastrica o dilatazione gastrica, una condizione in cui lo stomaco si gonfia in modo abnorme e si torce su se stesso, trasformandosi in una specie di sacco chiuso ai due estremi.

Questo provoca un ulteriore rigonfiamento dovuto ad aumento dei gas al suo interno, bloccando la circolazione dei vasi sanguigni nei punti di torsione.

Quando la torsione è totale si può avere anche una dislocazione della milza che va incontro a necrosi. Senza un intervento immediato l’esito può essere fatale. Ma non solo: il lievito rilascia etanolo, ovvero un tipo di alcol, che è tossico per il cane.

In questo caso ovviamente non stiamo parlando del lievito in un biscotto ma dell’ingestione di bustine o pasta madre.

Luppolo

Per chi fa la birra in casa, in luppolo è tossico per il cane e provoca innalzamento della temperatura corporea.

Mais (tutolo)

Se i chicchi non sono pericolosi (anche se vengono praticamente espulsi interi nelle feci e quindi praticamente non hanno valore nutrizionale) il tutolo può essere pericoloso e provocare ostruzione intestinale.

Parliamo ovviamente di quello della pannocchia bollita o grigliata, il cane non la consuma se la trova nei campi.

Mandorle

Sono difficili da digerire come tutta la frutta secca e possono provocare ostruzione intestinale.

Mela (semi)

Contengono cianuro, e possono provocare ostruzione intestinale. La polpa invece è consentita, quindi le mele ai cani, sbucciate ovviamente, si possono dare al posto degli snack industriali.

Mostarda

Possono provocare vomito e diarrea. Difficile che li mangino da soli ma potrebbero essere presenti in preparati industriali.

Noce moscata

Contiene una sostanza che si chiama miristicina e se consumata in quantità eccessive può provocare allucinazione, pressione alta, dolori addominali e convulsioni.

Noci di Macadamia

Sono tossiche per il cane. I sintomi includono:

  • vomito
  • crampi addominali
  • tachicardia
  • difficoltà motorie
  • debolezza generalizzata
le ossa possono essere letali per il cane

Cibi che iniziano con O/P/Q

Ossa

Possono provocare occlusione intestinale, ma sono particolarmente pericolose quando vengono consumate cotte, poiché tendono a sfaldarsi in piccole schegge che possono ferire o bucare stomaco e intestino.

I sintomi sono

  • vomito
  • diarrea
  • letargia
  • dolori addominali
  • costipazione

Possono inoltre fratturare i denti dei cani e se somministrati crudi possono essere contaminati da batteri di E-Coli e Salmonella.

Pane

Non è tossico e se ne mangia un pezzettino non succede nulla, ma contiene lievito ed è calorico, e può essere responsabile di gonfiore, gas intestinale e sovrappeso. Il pane non può sostituire i pasti del cane, anche quando lo gradisce molto.

Olive

la polpa non è tossica ma è molto salata, e il nocciolo, se accidentalmente ingerito, può causare occlusione intestinale.

Patate crude

Le patate crude, e tutte le loro parti incluse la buccia e le foglie, contengono solanina che è tossica per il cane. L’ingestione può essere causa di rallentamento del battito cardiaco, visione compromessa, problemi digestivi e vomito.

Difficilmente i cani consumano da soli le patate crude ma meglio sapere che se somministrate devono essere ben cotte.

Pelle del pollo

Non è solo altamente calorica e grassa (e quindi provoca pancreatite) ma viene salata e speziata per renderla più gradevole al palato, motivo per cui i cani non la possono mangiare.

Peperoncino piccante

Non sono tossici ma possono provocare crampi, vomito, diarrea e irritazione intestinale. I cani non possono mangiare cibi piccanti in generale, non solo questo tipo di prodotto.

Pesce crudo

Può contenere batteri (ad esempio salmonella e listeria) o parassiti intestinali (tenia) che possono compromettere il sistema immunitario del cane o causare vomito, diarrea e perdita di peso. Quello di scarsa qualità può contenere alte dosi di mercurio.

I cani possono mangiare pesce bollito o alla piastra (attenzione alle lische) o nei prodotti per cani industriali.

Pesca

La polpa può essere consumata ma la pesca va sbucciata e il nocciolo deve essere rimosso, poiché può causare occlusione intestinale.

Pizza

Sembra un elemento innocuo ma la salsa di pomodoro spesso contiene aglio, spezie ed erbe, la pasta contiene alte quantità di lievito e alcuni dei prodotti aggiunti potrebbero non essere indicati per il cane, ad esempio il salamino piccante.

Pomodori

Il pomodoro contiene solanina, sostanza presente anche nelle patate. Quindi non può essere consumato acerbo, né il frutto né le parti verdi. Per quanto riguarda la salsa, o l’ortaggio maturo, può essere consumato solo se preparato senza l’aggiunta di aglio, spezie e sale. Quindi no a sughi pronti in bottiglia.

Porri

Come cipolla e aglio è tossico per il cane e può essere responsabile di una patologia chiamata anemia emolitica, una condizione molto seria che spinge il sistema immunitario a distruggere i globuli rossi del sangue, in quanto identificati come nocivi. I sintomi più comuni sono

  • Debolezza
  • Apatia
  • Ipertermia
  • Vomito
  • Depressione
  • urine scure
  • Decolorazione delle mucose

Prugne

I cani possono mangiare la polpa, ma il frutto va sbucciato e deve tassativamente essere eliminato il nocciolo, che se ingerito può causare ostruzione intestinale.

non dare al cane cibi salati

Cibi che iniziano con R/S/T

Rabarbaro

Le foglie contengono cristalli di ossalato di calcio, che è tossico per il cane e può provocare insufficienza renale grave o letale. Altri sintomi da intossicazione sono:

  • salivazione eccessiva
  • diarrea
  • vomito
  • tremori
  • letargia
  • sangue nelle urine

I cani possono consumare i gambi.

Sale

In quantità moderata non fa male ai cani ma in eccesso può essere responsabile di diarrea, vomito e convulsioni. I cani non lo mangiano naturalmente ma è presente in molti snack di cui sono ghiotti, ad esempio le patatine fritte o quelle in sacchetto.

Questi alimenti possono anche essere responsabili di obesità e quindi di patologie che derivano dall’eccesso di peso, ed è un problema che è meglio evitare.

Salse

Le salse possono contenere svariati alimenti nocivi per il cane, tra cui sale, aglio, spezie, erbe, alcol. Molte sono anche molto caloriche e quindi meglio evitare.

Spezie

Da evitare:

  • alloro
  • pepe di cayenna
  • erba cipollina
  • curry
  • chiodi di garofano
  • aglio in polvere
  • luppolo
  • maggiorana
  • mostarda
  • noce moscata
  • cipolla
  • origano
  • paprika
  • preparato per dolci alla zucca

Queste sono meno pericolose ma meglio evitare comunque perché in grandi quantità hanno tutte effetti collaterali.

  • basilico
  • camomilla
  • coriandolo
  • aneto
  • zenzero
  • menta
  • origano
  • prezzemolo
  • menta
  • rosmarino
  • salvia
  • timo
  • curcuma

Contiene caffeina e può causare tachicardia, proprio come il caffè.

Il consumo di alcol può essere fatale

Altri prodotti vietati per il cane

Tra gli altri prodotti vietati per il cane ci sono:

Alcol

I cani sono più soggetti dell’uomo ad avere gravi conseguenze dopo l’ingestione di alcol. Tra i sintomi ci sono:

  • disorientamento
  • difficoltà respiratorie
  • allucinazioni
  • vomito, pulsazioni irregolari
  • convulsioni

Il consumo eccessivo può essere fatale.

Attenzione anche al consumo di frutta fermentata (ad esempio prugne e mele cadute dagli alberi) o lievito crudo, che possono avere gli stessi effetti)

Cannabis / Hashish / Droghe

Come per l’alcol, provoca nel cane gli stessi sintomi che provoca nell’uomo ma con effetti notevolmente amplificati.

L’assunzione di sostanze di questo tipo può essere molto pericolosa o anche letale, quindi evita di fare esperimenti con i tuoi amici sugli animali domestici.

Cibo scaduto

Se è scaduto da un giorno e lo mangeresti anche tu allora va bene, ma dare da mangiare al cane alimenti ammuffiti o rancidi può provocarne la morte, o farli ammalare seriamente. Se il cibo non è più commestibile buttalo!

Avanzi di cucina

Gli avanzi di cucina vanno somministrati solo in caso siano alimenti concessi: petto di pollo non salato, patate bollite, eccetera.

Niente ossa, prodotti speziati, saltai o contenenti aglio o qualunque altro ingrediente presente nella lista dei cibi sconsigliati. La regola “se lo mangio io lo possono mangiare i cani” non è reale.

Integratori e vitamine ad uso umano

Anche se spesso costano meno di quelle per cani gli integratori e vitamine sotto forma di caramelle gommose o snack non sono indicate per i cani, nemmeno prodotti di uso comune quali la vitamina C.

Usa solo prodotti idonei per il consumo dei tuoi amici a quattro zampe. E no, non sei un medico quindi non creare a casa dosi a prova di cane!

Conclusione

Come appare chiaro da questa lista la maggior parte degli alimenti sopra citati non è letale o tossico per il cane, ma si consiglia di non somministrarli per non compromettere la salute del cane e non ritrovarsi con un animale obeso, diabetico o con latri problemi legati all’aumento di peso.

La chiave di tutto è il buon senso: usalo non solo per te, ma anche per il tuo cane. E per saperne di più puoi scoprire quali alimenti sono consigliati per il consumo del cane nel nostro articolo “Cosa può mangiare il cane”.

Dallo Staff di Cani Piccoli

Sei vuoi saperne di più sull’alimentazione dei cani piccoli troverai tanti preziosi consigli nella sezione “Alimentazione”. 

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
che frutta possono mangiare i cani

Che frutta possono mangiare i cani?

By Alimentazione No Comments

Che frutta possono mangiare i cani?

che frutta possono mangiare i cani

I cani possono mangiare la frutta? Quando la stiamo mangiando noi vengono spesso ad elemosinare, e sembrano gradire dei piccoli pezzettini di alcuni tipi in particolare.

Ma a loro fa bene? Che frutta possono mangiare i cani? E in quale quantità possono consumarla?

Sono tutte domande che ti sarai fatto spesso. Ma vediamo di elencare in dettaglio quali frutti sono consentiti e quali è meglio evitare.

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
ai cani piace la frutta

Quale frutta posso dare al cane?

In realtà i cani possono mangiare quasi tutta la frutta, a condizione che sia sbucciata e denocciolata.

A differenza degli esseri umani non impazziscono per gli agrumi, ma ci sono cani che li consumano comunque.

Il consumo di frutta, oltre che di verdure, può avere grandi benefici per i cani: un frutto contiene fibre, vitamine e minerali, promuovendo la salute degli animali.

Aggiunti al cibo sotto forma di spuntino i frutti consigliati, se consumati nella giusta quantità, possono decisamente fornire un buon apporto nutrizionale e sostituire gli snack industriali.

Le banane vanno bene per il cane

Frutti che iniziano per A/B/C/D

Albicocca

La polpa può essere consumata tranquillamente ma va sbucciata e il nocciolo deve tassativamente essere rimosso, poiché può causare occlusione intestinale. Poiché la polpa è zuccherina va data con moderazione per non causare diarrea.

Ananas

Se ne può consumare solo la polpa, deve essere rimossa tutta la buccia, che è piuttosto spinosa e potrebbe causare lesioni all’apparato gastrointestinale. E’ una buona fonte di Vitamina C e B6, magnesio, ferro e tiamina.

Anguria

Ai cani piace molto, ha un effetto rinfrescante e ha poche calorie (è composta di acqua al 92%). Vanno rimossi i semi, la buccia e la parte bianca, ma per il resto è un ottimo snack. E’ ricca in vitamina A, vitamina B6 e vitamina C e contiene anche potassio.

Arancia

In generale non è un frutto gradito al cane, ma la polpa può essere consumata con moderazione solo se vengono rimosse la buccia esterna, la pellicina bianca e tutti i semi, che essere causa di diarrea e vomito e bruciore di stomaco nel cane per via del contenuto di una sostanza tossica. E’ ricca in potassio e vitamina C.

Avocado

Questo frutto contiene una sostanza che si chiama persina e che ha un effetto tossico sul cane, ma solo in grandi quantità. La polpa ne contiene poca, mentre buccia e seme ne sono ricchi. Data l’alta densità calorica è sconsigliato perché potrebbe essere responsabile di sovrappeso, e il seme potrebbe essere accidentalmente ingoiato. Meglio evitare!

Banana

E’ un ottimo snack e contiene potassio, vitamine (biotina in particolare), rame, e fibre, ha poco colesterolo e sodio, ma è molto zuccherina e ha parecchie calorie. Quindi è ok ma con moderazione. Si può anche congelare per farne un gradito snack rinfrescante.

Cachi

Contengono tante cose buone (vitamina C, E, calcio, potassio, fosforo) e sono tra gli alimenti più graditi ai cani in quanto dolci e succosi, ma hanno molte calorie quindi vanno offerti in piccole porzioni.

Cantalupo

Come l’anguria contiene molta acqua e tanto beta carotene, quindi è un si!

Ciliegie

La polpa denocciolata può essere somministrata (3 o 4 ciliegie) ma i noccioli contengono amigdalina, una sostanza che una volta rielaborata dall’organismo si trasforma in cianuro e quando entra in circolo nel sangue può rivelarsi fatale. E possono causare ostruzione intestinale. Meglio evitare.

il vane può mangiare le fragole

Frutti che iniziano per E/F/G/H/I

Fragole

Si possono somministrare tranquillamente, sono ricche in fibra e vitamina C. Sono ricche anche in acido folico.

Frutta secca

Meglio evitare. In particolare, le noci di macadamia sono tossiche, mandorle, pecan e pistacchi sono da scartare, mentre nocciole e arachidi, se fresche, sgusciate e sbucciate possono essere consumate in piccole quantità.

il cane può mangiare il mango

Frutti che iniziano per K/J/L/M

Kiwi

Si può somministrare sbucciato ed è ricco in vitamine, acido folico e antiossidanti. Assicurati che sia ben maturo, o il sapore aspro potrebbe non essere gradito al cane.

Lamponi

Hanno molte proprietà antinfiammatorie che sono preziose per ridurre il dolore e la sofferenza articolare. Contengono anche fibre, manganese, vitamina C e non sono molto calorici. Purtroppo contengono tracce di xilitolo, che è una sostanza tossica molto pericolosa per i cani, motivo per cui se proprio va somministrato deve essere offerto in quantità moderata.

Limone e Lime

Il cane non li mangia a causa del sapore aspro, ma anche se la polpa in sé non è pericolosa la buccia esterna, la pellicina bianca, le foglie e i semi contengono una sostanza che può causare bruciore di stomaco, vomito e diarrea.

Mango

I cani lo adorano, è ricco in vitamine, potassio, beta carotene e alfa carotene. E’ sicuramente tra i frutti che possono mangiare ma assicurati di rimuovere il seme, che contiene cianuro.

Mela

E’ uno dei frutti più indicati ed è un’ottima fonte di vitamine. Va servita sbucciata e senza semi, sia cotta che cruda o essiccata (al naturale, non dolcificata).

Melone bianco

Anche questo melone, come il cantalupo, contiene molta acqua e tanto beta carotene. E’ molto dolce e non va servito in grandi quantità.

Mirtilli neri

Come tutti i frutti di bosco li possono mangiare, sono ricchi in antiossidanti e prevengono il degrado cellulare.

Mirtilli rossi

Altro si, ma con moderazione, possono causare bruciore di stomaco. Sono spesso presenti nei medicinali e negli integratori per le infezioni del tratto urinario.

More

Sono tra i frutti sicuri ma contengono molti semi e in grandi quantità possono causare vomito e diarrea.

Mandarino

E’ sicuramente il più gradito al palato tra gli agrumi ma come gli altri, se la polpa può essere consumata con moderazione, buccia esterna, pellicina bianca, foglie e semi possono essere causa di diarrea, vomito e bruciore di stomaco a causa di una sostanza tossica. Per il resto, è ricco di potassio e vitamina C.

il cane può mangiare il cocco

Frutti che iniziano per N/O/P/Q/R

Noce di cocco

Si può consumare fresca (sbucciata), secca o sotto forma di olio, è ricca in manganese e acido fenolico ma ha molte calorie, quindi attenzione alle quantità.

Papaya

E’ ottima e molto gradita. Contiene Vitamina A, C e tanti antiossidanti che proteggono il sistema immunitario. Vanno tolti buccia e semi. e uno dei frutti migliori per il cane.

Pera

E’ ideale come la mela per il consumo del cane, contiene vitamina C, K, rame e fibre. I noccioli però vanno scartati perché contengono cianuro.

Pesca

La polpa di per sé è sicura ma il nocciolo può essere molto pericoloso. Se ingerito può provocare occlusione intestinale.

Pompelmo

Ai cani non piace molto. La polpa può essere consuma ma buccia esterna, pellicina bianca e semi contengono una sostanza tossica che provoca vomito, diarrea e bruciore di stomaco.

Prugna

La polpa è commestibile ma l’ingestione del nocciolo può essere molto pericolosa. Se ingerito può provocare ostruzione intestinale.
l'uva è tossica per il cane

Frutti che iniziano per S/T/U/V/W/Z

Uva

Sia uva fresca che uvetta possono essere tossiche, in quanto contengono persina. Non hanno lo stesso effetto su tutti i soggetti ma meglio evitare, non si sa mai.

Quanta frutta può mangiare il cane?

La frutta, come la verdura, va somministrata con moderazione. Contiene fruttosio (zucchero) e può essere molto calorica. E’ raccomandata sotto forma di spuntino ma non come parte integrante dei pasti.

Il cane non digerisce tutta la frutta e la verdura e la maggior parte delle calorie nel cibo deve derivare dalle proteine animali.

Come dare la frutta al cane

La frutta va somministrata sbucciata (con qualche eccezione, ad esempio mele e pere) e snocciolata, senza eccezioni. La frutta ai cani può offrire sia cotta che cruda. Va anche lavata bene, per evitare danni dovuti a pesticidi sulla buccia.

Alimentazione del cane

Se è vero che la dieta del cane deve contenere frutta e verdura non dobbiamo dimenticare che i cani sono animali prevalentemente carnivori. Si sono abituati a mangiare di tutto ma non hanno bisogno di molto cibo green.

Tra l’altro, molte crocchette contengono già frutta e verdura in quantità bilanciata, per cui il tuo animale non avrà carenze vitaminiche.

E’ importante controllare il contenuto di zuccheri e apporto calorico giornaliero, e se un po’ di frutta ha tanti benefici per il cane, troppa lo farebbe ingrassare o potrebbe avere effetti avversi e causare diarrea.

Se cucini cibo fresco, frutta e verdura sono un buon riempimento per completare il pasto quotidiano dei nostri amici a quattro zampe e hanno molti benefici: rinforzano il sistema immunitario e aiutano a prevenire il cancro, oltre a saziare i cani golosi e affamati.

Se vuoi saperne di più sull’alimentazione casalinga del cane leggi qui!

L'naguria fa bene l cane

Conclusione

  1. Anche questo caso, usa il buonsenso! Se un essere umano consuma la buccia di un frutto probabilmente può mangiarla anche Fido, in caso contrario non gliela dare.
  2. Se un alimento in quantità moderata è indicato per il consumo ma in quantità eccessiva può essere problematico evita o riduci le dosi.
  3. Se ti accorgi che il cane, dopo aver consumato un alimento, sembra sentirsi poco bene, considera che potrebbe essere intollerante e quindi evita.
  4. E se non ti senti sicuro opta per la frutta priva di rischi: mela, pera, banana, mango, papaya, anguria e melone. Ce n’è abbastanza per far felici i nostri amici.
  5. Ma mi raccomando: togli sempre i noccioli, sono molto pericolosi!

Dallo Staff di Cani Piccoli

Sei un fan dei cani piccoli e vuoi saperne di più su come gestirli al meglio? Ti aiutiamo noi con tante guide utili, articoli a tema veterinario e tante curiosità sulle tue razze di cani preferite!

Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.