Skip to main content

Il Cane Bolognese

bolognese

Carattere e Caratteristiche

Il Bolognese è un cane da compagnia di piccola taglia dal pelo lungo e riccio, con un aspetto adorabile da peluche e che somiglia molto al Barboncino e al Bichon Frisé. Ha un carattere tranquillo e molto affettuoso, è estremamente intelligente e sa relazionarsi molto bene con umani e altri animali.

E’ una razza Italiana magnifica e poco conosciuta, ma vale davvero la pena di scoprirla. Ti racconteremo storia e caratteristiche nell’articolo a seguito.

Il Bolognese in breve

Buono con i bambini 100%
Amichevole con gli animali 100%
Protettivo 30%
Facile da addestrare 100%
Ha bisogno di esercizio 89%
Amichevole con gli sconosciuti 100%
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.

Il Bolognese in breve

Buono con i bambini 100%
Amichevole con gli animali 100%
Protettivo 30%
Facile da addestrare 100%
Ha bisogno di esercizio 89%
Amichevole con gli sconosciuti 100%
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
Storia Bolognese

Storia del cane Bolognese

Purtroppo non ci sono notizie storiche precise sulle origini del Bolognese, quello che però sappiamo è che ha antenati in comune con un’altra razza di cane, l’assai più popolare cane Maltese.

Quel che è certo è che è una razza molto antica: di cani di aspetto simile al Maltese e al Bolognese ne parlano già sia Aristotele nel 350 A.C che Plinio il Vecchio nel 79 A.C. Allora si chiamavano Melitensis, oppure Melitei, e si credeva avessero origine nell’isola di Malta (così ci fa credere il suo nome) o dalla città di Melita in Sicilia, dove erano impiegati prevalentemente come cacciatori di topi.

Ma le sorti di di questo antenato del Bolognese e del Maltese cambiano velocemente, quando nel Medioevo si ritrova ad essere un apprezzato cane da compagnia delle nobildonne delle corti Europee. Se ne trovano esemplari nei ritratti di Lotto, Tiziano e Goya.

Viene logico pensare che prenda il nome dalla città di Bologna dove era piuttosto diffuso, ma non ci sono prove certe. In Italia era molto amato dalla casata dei Medici, che però risiedeva a Firenze.

Luigi XV re di Francia amava farne dono alla propria amata, la Marchesa de Pompadour. E Umberto di Savoia ne regalò una coppia alla sua futura sposa Maria José del Belgio. Ne possedeva molti anche l’imperatrice Caterina di Russia.

Sfortunatamente il Bolognese si è quasi estinto nel 1800. I problemi legati alle guerre e la selezione non accurata dei pochi esemplari rimasti lo avevano praticamente decimato ed è stato solo grazie al duro lavoro di alcuni allevatori che questa bellissima razza dalle origini locali non è scomparsa del tutto.

Gli standard di razza sono stati fissati verso l’inizio del 1900. Purtroppo il patrimonio genetico disponibile negli anni ’80 era insufficiente, ma grazie all’interesse suscitato nei paesi scandinavi e in Russia si sta lavorando molto sulla selezione genetica per ottenere animali sempre più belli, ma soprattutto sempre più sani.

Pur essendo una razza di origine Italiana il nostro paese non è stato in grado di proteggerne unicità e omogeneità. In Italia infatti il Bolognese è poco diffuso, a differenza delle razze con caratteristiche simili.

E’ stato riconosciuto dall’American Kennel Club solo nel 1995.

Carattere Bolognese

Carattere del Bolognese

Il Bolognese è un cane dal carattere docile, tranquillo e piuttosto riflessivo, e generalmente stringe un legame molto forte con il suo padrone.

Come tutti i cani adora giocare e ha bisogno di relazionarsi con la famiglia, ma la non eccessiva vivacità lo rende ideale per anziani o persone che stiano cercando un cane che rispetti i momenti di relax dei propri umani. E’ anche uno dei cani che si adatta meglio alla vita in appartamento, anche quelli di piccole dimensioni.

Il fatto che non sia iperattivo non vuol dire che non ami uscire: è in realtà un cane che ama passeggiare ed è anche piuttosto resistente, per cui potrà accompagnare a divertirsi anche quei familiari che amano fare lunghe camminate.

Pur essendo affettuoso e molto legato ai proprietari sa essere indipendente e rispettare gli spazi altrui. Questo non vuol dire che lo si possa lasciare da solo molto tempo. Soffre infatti la solitudine e come molti altri cani di razza piccola potrebbe manifestare ansia da separazione.

Generalmente adora i bambini e non ha problemi a relazionarsi con gli sconosciuti e con altri cani.

E’ un animale facile da gestire ed educare, non mostra alcuna tendenza alla fuga e non ha istinto da cacciatore. E non è una razza che tende a mordere.

Pur avendo una pelliccia molto folta tollera male il freddo. Sopporta meglio il caldo, a condizione che non sia torrido.

Caratteristiche del Bolognese

Il Bolognese non è una razza canina tra le più riconoscibili: viene infatti quasi sempre confuso con razze molto simili quali per l’appunto Havanese, Bichon Frisé e Barboncino.

Spesso viene anche confuso con i mix di quest’ultimo tanto di moda ai nostri giorni, quali ad esempio il Maltipoo (incrocio con Maltese, diffusissimo negli Stati uniti), o il Poochon (con Bichon Frisé).

Ma è una razza che ha delle caratteristiche ben precise, per cui cercheremo di darti il maggior numero di informazioni possibili per aiutarti a classificare al meglio il tuo cane da compagnia.

NB: questi sono gli standard fissati da FCI e ENCI e quindi validi per l’Europa. Standard di taglia, colore o manto diversi possono essere accettati da AKC e NKC. Per maggiori informazioni controlla gli standard del paese che ti interessa.

Le foto presenti in questo sito possono rappresentare sia gli standard FCI che quelli di AKC e NKC.

Standard ENCI FCI

  • Gruppo 9 cani da Compagnia
  • Sezione 1 A Bichons
  • Senza prova di lavoro
dimensioni bolo

Dimensioni

Esiste una sola taglia standard:

  • Bolognese maschio adulto altezza al garrese 27-30, peso 3-5 kg
  • Bolognese femmina adulta altezza al garrese 25-28 cm, peso 2,5 – 4 kg

Non esistono varianti quali il cane Bolognese Toy o il cane Bolognese Nano. Un animale adulto sotto la taglia minima è un esemplare caratterizzato da nanismo o altre patologie della crescita.

Tipo di pelo e mantello

Il mantello del Bolognese è lungo e si estende su tutto il corpo e gli arti, mentre è più corto sulla canna nasale. E’ piuttosto sollevato (non si appiattisce) e riccio, mai a frange.

Ci sono due tipi di pelo, uno più lanoso e soffice ed un altro più fitto e pesante. I due tipi di pelo non formano due strati diversi o separati: sono distribuiti su tutto il corpo ad eccezione di orecchie e coda dove la tessitura ha la consistenza della seta

La variante di pelo simile alla lana è più crespa di quella serica e il pelo che si trova in superficie è più fitto. Il mantello deve essere più naturale possibile e non va toelettato eccessivamente.

Colori Bolognese

Colori

Il Bolognese deve essere di colore bianco puro, senza alcuna macchia o sfumatura. Alcuni esemplari presentano delle macchie gialle, caratteristica che viene considerata un difetto. Il mantello deve essere di un bel bianco latte o avorio, non lucente, meno fitto di quello del Bichon Frisé.

Nessun altro colore è ammesso dagli standard di razza. Se dovessero venderti un cane Bolognese albicocca… non è un Bolognese, o almeno non del tutto!

Testa

Testa e muso del Bolognese devono rispettare determinate proporzioni: la lunghezza della testa equivalere a 1/3 dell'altezza al garrese, e il muso è pari ai 2/5 della lunghezza della testa. La proporzione tra muso e cranio è molto importante insieme alla posizione dell’occhio e a quella dell’orecchio: danno infatti la tipica espressione caratteristica di questa razza, connotato che lo distingue dal Bichon Frisé.

Il tartufo deve essere nero, la mascella combacia perfettamente con chiusura a forbice (la mancanza dei denti 2 PM1 - 1 o 2 PM2 - M3 non si considera quale difetto). Gli occhi sono ben aperti e tondi, non prominenti, di colore ocra scuro.

Le orecchie sono lunghe e pendenti ma con base rigida e con la parte superiore degli auricolari scostata dal cranio.

Corpo

Tronco con costituzione quadrata, profilo rettilineo, torace ampio con costole ben cerchiate, con una buona sostanza. Arti ben equilibrati.

Coda

Inserita sulla linea della groppa e ricurva sul dorso.
vita 12 - 15

Quanto vive un Bolognese

è un cane longevo, vive mediamente tra i 12 e i 15 anni.  Per garantire una lunga vita felice al tuo amico fai in modo che segua una corretta alimentazione e faccia il giusto esercizio fisico, così resterà in perfetta salute e ti farà compagnia per tantissimi anni.

Malattie del Cane Bolognese

Il cane Bolognese generalmente gode di ottima salute, ma può essere soggetto ad alcune malattie ereditarie comuni a questi tipi di cani oltre che alle normali malattie del cane. Tra le più frequenti:

  • Otite, sordità congenita
  • Patologie del cavo orale
  • Allergie alimentari, dermatiti
  • Malattia de Legg-Calve-Perthes (condizione degenerativa di testa e collo del femore che provoca dolore e zoppia)
  • Cheratocongiuntivite secca (una malattie che provoca secchezza oculare e compromette la cornea)
  • Cataratta
  • Coloboma (disturbo genetico a causa del quale la parte colorata del”iride non si sviluppa)
  • Patologie cardiache
  • Lussazione della rotula (patologia ereditaria)
  • Displasia dell’anca (malformazione delle articolazioni per cause genetiche)

Cosa mangia il Bolognese cane

Lo scarso esercizio fisico in un cane d’appartamento di piccola taglia può essere causa di sovrappeso. E’ molto importante assicurarsi di somministrare al proprio animale la giusta dose di cibo e i giusti alimenti per evitare diabete, colesterolo ed obesità.

Alimentazione del cucciolo

Lo svezzamento del cucciolo di  Bolognese inizia verso le 4 settimane di età. A partire dal primo mese di vita potrai iniziare ad inserire del mangime specifico per cuccioli o della carne macinata fine, un pasto al giorno in combinazione con il latte materno sarà sufficiente ad abituare il cucciolo ai nuovi alimenti.

Tra il primo e il secondo mese avrà bisogno di cibo solido circa 3/4 volte al giorno, e tre a partire dal secondo mese di vita.

Alimentazione del Bolognese

Trattandosi di un cane d’appartamento e di dimensioni ridotte è consigliabile somministrare due pasti al giorno, in parte per intrattenerlo e in parte per non appesantire troppo lo stomaco. I pasti devono essere bilanciati e contenere il giusto apporto di proteine, carboidrati, grassi e minerali.

Il cibo secco (crocchette per cani)

E’ sicuramente più facile e veloce del cibo casalingo, ma bisogna attenersi strettamente alle dose consigliate per peso ed età. E sceglierne uno studiato per cani di piccola taglia e con le caratteristiche giuste per la razza (in commercio se ne trovano addirittura alcune varietà specifiche per cani di razze compatibili).

Ricordarsi di controllare sempre gli ingredienti e soprattutto l’apporto di vitamine e minerali, indispensabile per mantenere in forma i nostri cani. L’utilizzo del cibo umido come unica alternativa è sconsigliabile, ma se ne può aggiungere una piccola quantità per rendere più gradevole il cibo secco.

LA DIETA CASALINGA PER CANI

Se invece il cibo secco non fosse di tuo (o di suo) gradimento e volessi cucinare per il tuo cucciolo, la scelta ideale per la preparazione di cibo casalingo è quella di un misto di prodotti adatti al consumo del cane da somministrarsi prevalentemente bolliti.

Cibi permessi

  • Carne
  • Interiora
  • Pesce
  • Cereali
  • Frutta e verdura adatta al cane
  • Solo occasionalmente uova e un po’ di formaggio.

Cibi vietati

  • Dolci
  • Prodotti da forno
  • Cibi grassi e unti
  • Ossa tubolari
  • Cibo speziato e affumicato
  • Cipolla e aglio
  • Funghi
  • Avocado

Ma è importante sapere che per dieta casalinga non si intendono gli avanzi di cucina o le nostre merendine, ma cibo appositamente preparato per il cane, che potrà essere congelato per utilizzo giornaliero o quando necessario.

Cucinare in casa non è difficile, ti basterà preparare un misto di proteine, carboidrati e verdure (50% – 25% -25%) e aggiungere un multivitaminico e un integratore di glucosamina e omega 3.

La quantità dei componenti del cibo casalingo per cani può variare ma la parte maggiore deve sempre essere composta dalle proteine, che sono alla base di una corretta alimentazione.

Per maggiori informazioni su come alimentare correttamente il tuo cane con cibo casalingo puoi attenerti ai suggerimenti presenti nella nostra guida: “La dieta casalinga per il cane”. Si consiglia comunque di rivolgersi sempre a un veterinario nutrizionista.

I cani sono animali molto abitudinari quando si tratta di dieta, quindi è meglio sceglierne una fin da cucciolo e mantenerla il più a lungo possibile.

cura bolo

Sverminazione del cane Bolognese

E’ importante ricordarsi di sverminare periodicamente sia i cani cuccioli che gli esemplari adulti, in particolare se adottati da rifugi, canili o da privati. Per contrarre un parassita intestinale basta una semplice passeggiata! Scegli un vermifugo per cani indicato al peso e all’età del tuo cane.

Altri consigli per mantenere in forma il tuo Bolognese

Profilassi per zecche e pulci

Il Bolognese ha il pelo lungo e riccio e potrebbe essere difficile notare se è infestato da parassiti. Per questo motivo, se vivi in zone a rischio, si consiglia di effettuare regolarmente la profilassi per pulci e zecche.

E di fare molta attenzione alle spighe di forasacco e a qualunque altra pianta che possa incastrarsi nel pelo.

Taglio delle unghie

Anche se il cane esce poco, le unghie vanno accorciate regolarmente per evitare che il tuo amico si faccia male quando corre.

Potrai utilizzare un taglia unghie manuale oppure uno elettrico.

Pulizia delle orecchie

Il Bolognese è predisposto a infezioni del canale auricolare e sordità. La pulizia delle orecchie è indispensabile per evitare odori sgradevoli o patologie quali:

  • Otoacarasi
  • Otiti batteriche
  • Otiti micotiche
  • Catarro auricolare
  • Otiti da corpo estraneo

Pulizia dei denti

Anche la pulizia dentale è molto importante, poiché una scarsa igiene orale può essere responsabile di gravi disturbi quali:

  • Gengivite
  • Stomatite
  • Parodontite
  • Tumori della bocca
  • Alitosi

Anche se può essere difficile tenere fermo l’animale, sarebbe meglio effettuare una pulizia dei denti quotidiana per evitare in futuro costose sessioni sotto sedazione.

Potrai trovare in vendita, oltre ai modelli classici, anche spazzolini tipo guanto che si infilano sulle dita o spazzolini che puliscono contemporaneamente arcata interna ed esterna, e vari gusti di dentifricio enzimatico specifico per il tuo pet!

L’ideale sarebbe mantenere la bocca pulita almeno una volta ogni due giorni per evitare l’accumulo di tartaro.

Può essere utile somministrare uno snack per la pulizia dei denti ogni giorno, in commercio se ne trovano tantissimi di gusti e forme diverse. Ma da soli non risolvono la situazione, i denti vanno comunque spazzolati!

Ghiandole perianali

Ricordarsi di controllare periodicamente lo stato delle ghiandole perianali per evitare  situazioni quali:

  • Ascesso dei sacchi anali
  • Tumori (adenomi e adenocarcinomi)
  • Infezioni batteriche atipiche
  • Micosi

Ti accorgerai quando è il momento perché il cane inizierà a strusciare l’ano sul pavimento, si gratta o lecca ripetutamente ed ha cattivo odore.

Sterilizzazione

Sterilizzare il tuo amico a quattro zampe può metterlo al sicuro da futuri problemi: la femmina, se operata prima del primo calore, rischierà molto meno di sviluppare tumori maligni delle mammelle, mentre il maschio sarà meno aggressivo e meno propenso alla fuga.

Il Bolognese non ha tendenza alla fuga ma è un cane di piccole dimensioni che tende ad abbaiare per autodifesa, quindi meglio evitare contrasti con cani di grossa taglia.

Per chi è adatto il Bolognese

Praticamente per tutti. Ha un carattere dolce e tranquillo ma allegro, in generale gode di una buona salute e si adatta benissimo in appartamento.

E’ perfetto per famiglie alla prima esperienza e a quelle con bambini, ha una buona aspettativa di vita e pur amando stare in gruppo sa rispettare gli spazi di tutti.

Per chi non è adatto il Bolognese

Per una famiglia che lo lasci solo troppe ore, poiché ha bisogno di molta compagnia o potrebbe deprimersi.

Per chi non ha un grosso budget per la cura del pelo, in quanto necessita di toelettature frequenti e di essere spazzolato.

E visto che abbaia, potrebbe non essere indicato per chi ha vicini poco simpatici!

Domande Frequenti

Quanto costa un Bolognese cucciolo?

Il prezzo di un cane Bolognese testato e con pedigree varia tra gli 850 e i 1100 Euro. Non è una delle razze più costose ma considerando che è un bellissimo cane di piccola taglia e che ha un carattere meraviglioso vale sicuramente un piccolo investimento. E i cuccioli sono stupendi!

Rivolgiti comunque ad un allevatore serio che ti rilasci tutti i documenti comprovanti che è esente da patologie genetiche.

Il Bolognese perde pelo?

No, è tra i cani da compagnia ideali per chi non vuole ritrovarsi con un appartamento pieno di peli.

Ed è una razza ipoallergenica, quindi davvero ideale per tutti!

Il cane Bolognese puzza?

No, il pelo è inodore. In caso contrario potrebbe esserci un problema di salute, oppure potrebbe dipendere dalla scarsa cura del pelo. Se invece parliamo di flatulenza il problema è sicuramente legato ad una cattiva alimentazione.

I problemi più comuni che riguardano il cattivo odore del cane sono:

  • Batteri nelle pieghe del muso (problema per il quale si consiglia una pulizia dopo i pasti con un panno di cotone umido)
  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina
  • Flatulenza (le classiche puzzette, spesso dovute a cattiva alimentazione)

Fortunatamente nella maggior parte dei casi non si tratta di problematiche che compromettano la salute del cane, ma solo tu conosci bene il tuo pet e se noti qualcosa di anormale o di cui non sei sicuro fallo controllare da un veterinario.

Come toelettare un cane Bolognese

Per mantenere inalterato il suo bellissimo aspetto, dovrai occuparti regolarmente del mantello del tuo cane. Toelettare il Bolognese non è difficile, ma ovviamente essendo una razza a pelo lungo, ci vorranno un po’ di esperienza e tanta pazienza.

Il pelo andrebbe spazzolato almeno un paio di volte a settimana, e i lavaggi non dovrebbero essere troppo frequenti.

Prima del bagno l’animale va sempre spazzolato. Si procederà poi al lavaggio prima con shampoo apposito e poi con un prodotto per cani equivalente al nostro balsamo, entrambi diluiti come da istruzioni sulla confezione. Massaggia e lava bene prima il tronco e poi le zampe, e infine testa e coda.

Attenzione: è importante assicurarsi che acqua e prodotti per il lavaggio non entrino negli occhi, nel naso, nella bocca e nelle orecchie del cane.

Una volta tolto il balsamo risciacqua bene il cucciolo e poi tampona con un asciugamano tiepido. Asciuga poi con phon non troppo caldo mentre lo spazzoli con un pettine o spazzola adatti al tipo di pelo.

Assicurati che sia ben asciutto prima di lasciarlo uscire.

Il Bolognese abbaia molto?

Il Bolognese ha una voce squillante e come la maggior parte dei cani piccoli tende ad abbaiare. E non necessariamente in momenti di stress o per difendere casa e famiglia, ma semplicemente perché è felice.

E’ sempre allegro, grato e d entusiasta e vuole farlo sapere al mondo intero, quindi abbaia, perché è così che comunica.

Come addestrare un Bolognese?

Con molta pazienza e iniziando fin da cucciolo: Il modo migliore è quello di servirsi di Snack in combinazione con il classico clicker. E con un guinzaglio ovviamente.

Inizia con i comandi standard quali

  • Seduto
  • A terra
  • Vieni
  • Stop o Fermo

e premialo quando risponde correttamente. Fallo lavorare per 30 minuti e non oltre, potrebbe spazientirsi!

Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it

* Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments