Il Bedlington Terrier

Scritto da: Silvia Capelli
Aggiornato in data: 10 Ottobre 22
bedlington terrier

Carattere e Caratteristiche

Il Bedlington Terrier è un cane davvero particolare: ha il pelo riccio e folto e un muso allungato che lo fanno somigliare a un dolcissimo agnellino.

Ma nonostante l’aspetto docile e mansueto questo cane non solo ha una forte personalità, è anche un cacciatore di grande talento e sa correre ad alta velocità.

In Italia non è molto conosciuto, ma abbiamo raccolto tante informazioni su questa splendida razza e ti racconteremo tutto quello che sappiamo in questo articolo.

Il Bedlington Terrier in breve

Buono con i bambini
Amichevole con gli animali
Protettivo
Facile da addestrare
Ha bisogno di esercizio
Amichevole con gli sconosciuti
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.

Il Bedlington Terrier in breve

Buono con i bambini
Amichevole con gli animali
Protettivo
Facile da addestrare
Ha bisogno di esercizio
Amichevole con gli sconosciuti
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
storia bedlington

Storia del Bedlington Terrier

Il Bedlington Terrier ha origine nel nord est della Gran Bretagna, in un piccolo villaggio chiamato Bedlington, in prossimità della cittadina di Rothbury, nella contea del Northumberland.

E’ proprio dal luogo che gli da’ i Natali che prende il nome attuale, ma in passato era anche conosciuto come Rothbury Terrier. I primi esemplari sembrano risalire al 1782 circa.

Questo grazioso cagnolino non è sempre stato un cane da compagnia: in Inghilterra era infatti utilizzato da zingari e bracconieri per cacciare volpi e piccola selvaggina nelle terre dei nobili dell’epoca.

Ma date le sue doti, questo splendido animale non ci mise molto a farsi notare anche dai nobili che derubava: oltre all’aspetto elegante e aggraziato poteva contare su una grande resistenza alla fatica e un ottimo istinto alla caccia.

Fu così che la razza si diffuse sia come cane da caccia tradizionale che come “ratter”, ovvero cacciatore di topi.

Ratti e altri piccoli predatori infestavano stalle e fattorie uccidendo i polli e disturbando greggi e bestiame, e la comparsa del Bedlington fu vista come una benedizione dai fattori locali.

E il problema era di dimensioni ancora più vaste nelle città industrializzate dell’Inghilterra, che erano infestate da topi che oltre a fare danni, erano portatori di varie malattie.

Coloro che emigravano dalla campagna alla città spesso portavano con sé i propri cani proprio per impiegarli nell’eliminazione di animali sgraditi.

Fu invece la grande velocità nella corsa a permettergli di trovare posto anche nelle famose corse dei cani, dove competeva non solo con altri Bedlington ma anche con i rinomati levrieri.

Non ci sono certezze su quali razze facciano parte dell’albero genealogico di questa bellissima razza canina, ma si suppone derivi da Dandie Dinmont Terrier, Barboncino, Kerry Blue, Soft Coated Wheaten Terrier Irlandese.

Probabilmente nella linea di sangue c’è anche il Whippet, con il quale condivide la schiena arcuata, caratteristica che lo rende incline ad una maggiore velocità, e forse anche il Bull Terrier, a cui deve il muso allungato.

Il primo allevamento che portò al Bedlington Terrier come lo conosciamo oggi nacque proprio a Bedlington, grazie ad un allevatore di nome Joseph Aynsley.

Nel 1820 circa Joseph Aynsley acquistò un cane di nome Peachum e lo fece accoppiare con una femmina di nome Phoebe.

Il primo cucciolo, e capostipite della razza, fu chiamato Piper, e da quel che ci racconta la storia iniziò ufficialmente a cacciare all’età di otto mesi e non smise fino a quando fu in grado di correre.

La razza fu continuamente selezionata per migliorare il classico aspetto da agnello che lo ha reso famoso.

Gli standard di razza sono stati fissati in Gran Bretagna nel 1870 e nel 1900 si è diffuso soprattutto come animale da compagnia.

carattere bedlington

Carattere del Bedlington Terrier

Il Bedlington Terrier è un ottimo animale da compagnia. Ha un carattere dolcissimo e si rivela un compagno ideale anche per una famiglia con bambini.

E’ intelligente, allegro e facilmente addestrabile, con un forte senso di attaccamento verso il padrone e la famiglia in generale. E ha un temperamento tenace, deciso, non si arrende mai e farebbe qualunque cosa per difendere i propri familiari.

Sfortunatamente tutto cambia quando il cane entra in contatto con estranei: la sua natura da ex cacciatore lo porta ad essere piuttosto diffidente verso gli sconosciuti, al punto da poter mostrare segni di aggressività.

E’ quindi una razza che necessita di essere educata fin dalla giovane età, così da mantenere sotto controllo ogni possibile comportamento a rischio. Se educato, socializza in modo ottimale sia con gli estranei che con gli altri animali.

E’ un cane che ha bisogno di fare molto movimento, non è infatti la razza ideale per chi vive in dimensioni piuttosto ristrette. Ma è un ottimo candidato per Agility o altri tipi di competizione.

Generalmente non scappa, quindi è idoneo alla vita in spazi aperti e in campagna. E non abbaia molto, cosa utile in caso di vita in appartamento.

Curiosità sul Bedlington Terrier

Questa razza era la preferita dell’attore Boris Karloff, famoso negli anni ’30 per il ruolo di Frankenstein.

I cuccioli nascono scuri e si schiariscono con il tempo.

Caratteristiche del Bedlington Terrier

Perché il Bedlington Terrier sia puro deve avere caratteristiche ben determinate, e te le illustreremo di seguito.

NB: questi sono gli standard fissati da FCI e ENCI e quindi validi per l’Europa. Standard di taglia, colore o manto diversi possono essere accettati da AKC e NKC. Per maggiori informazioni controlla gli standard del paese che ti interessa.

Le foto presenti in questo sito possono rappresentare sia gli standard FCI che quelli di AKC e NKC.

Classificazione ENCI F.C.I

  • Gruppo 3 Terriers Sezione 1
  • Terrier di taglia grande e media
  • Senza prova di lavoro
dimensioni bedlington

Dimensioni

Ne esiste una sola:

  • Bedlington Terrier peso kg 8-10, altezza cm 41

Peso e altezza al garrese sono gli stessi per maschi e femmine.

Tipo di pelo e mantello

Il pelo del Bedlington è spesso e soffice, con un folto riccio ben sollevato sulla pelle, alto ma non ruvido, deve avere una buona morbidezza.

Il riccio deve attorcigliarsi molto, specialmente sulla testa e sul muso. Questa razza non ha il sottopelo.

I cuccioli nascono molto scuri (i blu sono quasi neri mentre i sabbia e fegato nascono marroni) e schiariscono con il tempo.

bedlington colori

Colori

Blu, fegato o sabbia, con o senza focature. E’ preferito il pigmento più scuro.

Testa

Cranio stretto, alto e arrotondato, ricoperto da un ciuffo serico e abbondante che dovrebbe essere quasi bianco.

Il tartufo ha narici larghe e ben definite. I blu e i blu focato devono avere il tartufo nero. I fegato e i sabbia devono avere il tartufo marrone.

Occhi piccoli di forma triangolare, con espressione decisa e intensa. I blu devono avere l’occhio scuro; i tan lo hanno leggermente più chiaro con riflessi ambrati, i fegato e i sabbia color nocciola chiaro.

Corpo

Muscoloso e flessuoso, con torace ampio e costole piatte. le zampe sono lunghe.

Coda

Moderatamente lunga, spessa all’attaccatura, si assottiglia alla punta ed è ricurva. Inserita bassa, mai portata sopra il dorso.
bedlington vita

Quanto vive il Bedlington Terrier

Il Bedlington Terrier ha una vita media di circa 14 anni, non male per un ex cacciatore!

Ma se ti prenderai cura del tuo amico a quattro zampe potrà vivere anche più a lungo.

Il più vecchio registrato fino ad oggi ha vissuto 18 anni, ma risulta che vari esemplari abbiano raggiunto i 15 anni.

Malattie del Bedlington Terrier

Il Bedlington Terrier è un cane naturalmente sano e robusto, ma può soffrire di malattie ereditarie comuni a questi tipi di cani o alle normali malattie del cane. Tra le più frequenti:

  • Otite, sordità congenita
  • Allergie alimentari e del pelo
  • Copper toxicosis canina (o epatite da rame), un’alterazione dei geni a carattere recessivo. Presenta accumulo di rame nelle cellule epatiche dovuto a scarsa eliminazione del metallo con la bile e culmina in deterioramento del fegato.
  • Cataratta, displasia della retina, epifora (eccessiva lacrimazione)
  • Calcoli urinali
  • Soffio cardiaco
  • Problemi riproduttivi

Cosa mangia un Bedlington Terrier

I Bedlington Terrier sono cani molto attivi e quindi non hanno tendenza naturale ad ingrassare, ma la vita in appartamento e lo scarso esercizio fisico possono essere causa di sovrappeso.

Bisognerà quindi somministrare cibo di buona qualità per evitare problemi futuri quali obesità, diabete e colesterolo.

Alimentazione del cucciolo

Lo svezzamento del cucciolo di Bedlington inizia verso le 4 settimane di età. A partire dal primo mese di vita si potrà iniziare ad inserire del mangime premium per cuccioli o della carne macinata fine, iniziando con un pasto al giorno in combinazione con il latte materno.

Tra il primo e il secondo mese i pasti a base di cibo solido dovranno essere somministrati circa 3/4 volte al giorno, e tre a partire dal secondo mese di vita.

Alimentazione dell'adulto di Bedlington Terrier

Trattandosi di un cane di taglia medio piccola è consigliabile somministrare due pasti al giorno per evitare che l’animale si abbuffi la sera e soffra la fame il resto del tempo. I pasti devono essere bilanciati e contenere il giusto apporto di proteine, carboidrati, grassi e minerali.

Il cibo secco (crocchette per cani)

La scelta più semplice è quella di optare per cibo secco di buona qualità, attenendosi alle dosi consigliate per peso ed età. E sceglierne uno indicato per cani di piccola taglia e con le caratteristiche giuste per la razza (in commercio se ne trovano addirittura alcune varietà specifiche per piccoli terrier che sono indicate anche per la razza Bedlington Terrier)

Ricorda di controllare sempre gli ingredienti e soprattutto l’apporto di vitamine e minerali, indispensabile per mantenere in forma i nostri cani. L’utilizzo del cibo umido come unica alternativa è sconsigliabile, ma se ne può aggiungere una piccola quantità per rendere più gradevole il cibo secco.

LA DIETA CASALINGA PER CANI

Se invece non volessi somministrare cibo industriale e volessi cucinare per il tuo cane , la scelta più indicata per la preparazione di cibo casalingo ricade su prodotti primari da somministrarsi prevalentemente bolliti.

Cibi permessi

  • Carne
  • Interiora
  • Pesce
  • Cereali
  • Frutta e verdura adatta al cane
  • Solo occasionalmente uova e un po’ di formaggio.

Cibi vietati

  • Dolci
  • Prodotti da forno
  • Cibi grassi e unti
  • Ossa tubolari
  • Cibo speziato e affumicato
  • Cipolla e aglio
  • Funghi
  • Avocado

Ma è importante ricordare che per dieta casalinga non si intendono gli avanzi della nostra tavola, ma un mix alimentare appositamente preparato per il cane, che potrà essere congelato per utilizzo giornaliero o quando necessario.

Un misto di proteine, carboidrati e verdure (50% – 25% -25%) e un buon multivitaminico in combinazione con un integratore di glucosamina e omega 3 formano la base della dieta casalinga ideale. Se cucini pesce almeno due volte a settimana potrai fare a meno dell’integratore di omega 3.

Le proteine vanno variate: fegato una volta a settimana, 1 o 2 uova a settimana e il resto diviso in carni di tipo diverso e pesce. La carne deve essere disossata e il pesce senza lische. La carne di maiale, se somministrata, deve essere ben cotta.

Puoi variare leggermente le percentuali dei tre componenti alimentari ma la parte maggiore deve sempre essere composta dalle proteine, che sono alla base di una corretta alimentazione.

Per maggiori informazioni su come alimentare correttamente il tuo cane con cibo casalingo puoi attenerti ai suggerimenti presenti nella nostra guida: “Come alimentare correttamente il tuo cane con cibo casalingo”. Si consiglia comunque di rivolgersi sempre a un veterinario nutrizionista.

Il cane è un animale che non ama i cambiamenti quando si tratta di alimentazione, quindi è meglio sceglierne una dall’inizio e non cambiare successivamente le abitudini del cane.

cura bedlington.

Sverminazione del Bedlington Terrier

E’ importante ricordarsi di sverminare periodicamente sia i cani cuccioli che gli esemplari adulti, in particolare se adottati da rifugi, canili o da privati.

Ai Bedlington Terrier, cani curiosi per natura, piace molto correre in campagna in mezzo al verde, per cui attenzione ai parassiti. Scegli un vermifugo per cani indicato al peso e all’età del tuo cane.

Altri consigli per mantenere in forma il tuo Bedlington Terrier

Profilassi per zecche e pulci

Il Bedlington Terrier richiede passeggiate quotidiane e moltissimo esercizio, e come i terrier di razza di piccole dimensioni adora infilarsi nelle tane a cacciare quelle che crede siano piccole prede. Per questo motivo, se vivi in zone a rischio, si consiglia di effettuare regolarmente la profilassi per pulci e zecche.

E di fare molta attenzione alle spighe di forasacco, il Bedlington ha il tipo di mantello perfetto perché ci si incastrino, e possono essere davvero molto pericolose.

Taglio delle unghie

Anche se il cane esce poco, le unghie vanno accorciate regolarmente per evitare che il tuo amico si faccia male quando corre.

Pulizia delle orecchie

Il Bedlington Terrier è predisposto a infezioni del canale auricolare e sordità. La pulizia delle orecchie è indispensabile per evitare odori sgradevoli o patologie quali:

  • Otoacarasi
  • Otiti batteriche
  • Otiti micotiche
  • Catarro auricolare
  • Otiti da corpo estraneo

Pulizia dei denti

Anche la pulizia del cavo orale è molto importante, poiché una scarsa igiene può essere responsabile di gravi disturbi quali:

  • Gengivite
  • Stomatite
  • Parodontite
  • Tumori della bocca
  • Alitosi

Per tanto complicato possa essere dovrai cercare di effettuare una pulizia dentale quotidiana per evitare perdita di denti in giovane età o costose pulizie sotto sedazione.

Potranno esserti di aiuto, oltre che modelli classici, anche spazzolini tipo guanto che si infilano sulle dita o spazzolini che puliscono contemporaneamente arcata interna ed esterna, e vari gusti di dentifricio enzimatico specifico per il tuo pet!

Lavare i denti almeno una volta ogni due giorni ti aiuterà ad avere un cane allegro e in salute.

Può essere utile somministrare uno snack per la pulizia dei denti ogni giorno, in commercio se ne trovano tantissimi di gusti e forme diverse. Ma da soli non risolvono la situazione, i denti vanno comunque spazzolati!

Ghiandole perianali

Ricordati di controllare periodicamente lo stato delle ghiandole perianali per evitare  situazioni quali:

  • Ascesso dei sacchi anali
  • Tumori (adenomi e adenocarcinomi)
  • Infezioni batteriche atipiche
  • Micosi

Ti accorgerai quando è il momento perché il cane inizierà a strusciare l’ano sul pavimento, si gratta o lecca ripetutamente ed ha cattivo odore.

Sterilizzazione

Sterilizzare il tuo Affenpinscher può metterlo al sicuro da futuri problemi: la femmina,

Sterilizzare il tuo Bedlington Terrier può metterlo al sicuro da futuri problemi: la femmina, se operata prima del primo calore, rischierà molto meno di sviluppare tumori maligni delle mammelle, mentre il maschio sarà meno aggressivo e meno propenso alla fuga.

Questa razza tende a diventare dominante sia con animali che con sconosciuti, e in alcuni casi può manifestare comportamenti aggressivi. La castrazione nel maschio limita questo tipo di comportamento a rischio.

Per chi è adatta la razza Bedlington Terrier

Questo cane per famiglie con bambini e anziani, a condizione che l’animale venga educato fin da giovane.

E’ perfetto per persone attive e che gli facciano fare parecchio movimento, e che abbiano il polso fermo quando si tratta di impartire ordini.

Ideale per la vita in campagna o in abitazioni con giardino, non ha tendenza alla fuga.

E per chi vive in appartamento, è un cane che generalmente abbaia poco ed è una razza ipoallergenica.

Per chi non è adatto il Bedlington Terrier

In generale non è adatto a proprietari alla prima esperienza, in quanto richiede molta fermezza e un buon livello di socializzazione con altri animali, oltre che con gli estranei.

No assoluto per chi non abbia voglia o budget per occuparsi del pelo: il mantello è a crescita continua e il cane non fa la muta, ma va toelettato e spazzolato molto di frequente.

Tollera male la solitudine quindi non è indicato per chi lo lascia da solo troppo a lungo. E le origini da cacciatore lo classificano come non idoneo per persone poco attive.

Domande Frequenti

Quanto costa un Bedlington Terrier cucciolo?

Il prezzo di un Bedlington Terrier cucciolo testato e con pedigree varia dai 1000 ai 1500 Euro, ed in questo caso bisogna fare molta attenzione a scegliere un allevamento serio.

Purtroppo questa razza è portatrice del gene della Copper toxicosis canina (o epatite da rame), una patologia molto grave e che sfortunatamente è presente nel 5% circa dei soggetti.

Il cucciolo deve essere necessariamente testato prima di acquistarlo, o prima di adottarlo.

Il cane Bedlington Terrier perde pelo?

No, non fa la muta ed è considerato razza ipoallergenica, proprio come Maltese e la razza tutta italiana Bolognese.

Il Bedlington Terrier puzza?

Assolutamente no, e la puzza potrebbe essere il segnale d’allarme che qualcosa non va nell’animale, o che ha problemi ormonali.

I problemi più comuni che riguardano il cattivo odore del cane sono:

  • Batteri nelle pieghe del muso (problema per il quale si consiglia una pulizia dopo i pasti con un panno di cotone umido)
  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina
  • Flatulenza (le classiche puzzette, spesso dovute a cattiva alimentazione)

Generalmente questi problemi non compromettono fortemente la salute del cane, ma solo tu conosci bene il tuo pet e se noti qualcosa di anormale o di cui non sei sicuro fallo controllare da un veterinario.

Come lavare un Bedlington Terrier

Si inizia sempre spazzolando bene il cane per rimuovere tutti i nodi dal pelo, soprattutto se è un’operazione che non si fa quotidianamente (ma che dato il tipo di pelo andrebbe fatta tutti i giorni!).

Inserisci delle palline di cotone nelle orecchie del cane per evitare che ci entrino acqua o schiuma.

Dovrai poi lavare bene il cane con uno shampoo specifico, risciacquare bene e poi ammorbidire il pelo con un balsamo condizionatore (importante: usa esclusivamente prodotti per cani e non per umani!). Attenzione a occhi e orecchie.

Tampona bene il cane con un asciugamano asciutto, meglio se tiepido, e rimuovi tutta l’acqua in eccesso. Asciuga bene con il phon non troppo caldo.

Come toelettare un Bedlington Terrier

Il mio consiglio è quello di lasciare fare a un toelettatore professionista, visto che questa razza necessita di un taglio piuttosto particolare e va tosata spesso.

Inizia a spuntare zampe, corpo fianchi, lasciando circa 1 cm di pelo, mentre collo, addome e coda vanno accorciati fino al 1/2 cm circa. Poi passa alla testa, che va lasciata un po’ più folta, mentre orecchie e sottogola vanno rasati corti.

Attenzione ai punti delicati (occhi, orecchie, interno delle dita, zona intorno ai genitali). Usa una tosatrice specifica e forbici con la punta tonda per i punti delicati.

Il procedimento si può fare anche inversamente: spazzola bene il cane, accorcia il pelo mentre è asciutto e poi passa alla fase del bagno.

E’ importante non tosare completamente l’animale per evitare che soffra il freddo o che si scotti sotto il sole. Questo vale per tutte i tipi di cane, sia con sottopelo che senza, a manto lungo o corto.

Come addestrare un Bedlington Terrier?

Con molta pazienza e iniziando fin da cucciolo. Premialo con piccoli snack in combinazione con il classico clicker. E con un guinzaglio e pettorina che ovviamente porterai sempre con te.

Inizia con i comandi di base quali

  • Seduto
  • A terra
  • Vieni
  • Stop o Fermo

Potrai insegnargli i comandi di base a casa e poi quelli in movimento all’aperto. L’addestramento non deve protrarsi per più di 30 minuti consecutivi.

Assolutamente no, e la puzza potrebbe essere il segnale d’allarme che qualcosa non va nell’animale, o che ha problemi ormonali.

I problemi più comuni che riguardano il cattivo odore del cane sono:

  • Batteri nelle pieghe del muso (problema per il quale si consiglia una pulizia dopo i pasti con un panno di cotone umido)
  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina
  • Flatulenza (le classiche puzzette, spesso dovute a cattiva alimentazione)

Generalmente questi problemi non compromettono fortemente la salute del cane, ma solo tu conosci bene il tuo pet e se noti qualcosa di anormale o di cui non sei sicuro fallo controllare da un veterinario.

Assolutamente no, e la puzza potrebbe essere il segnale d’allarme che qualcosa non va nell’animale, o che ha problemi ormonali.

I problemi più comuni che riguardano il cattivo odore del cane sono:

  • Batteri nelle pieghe del muso (problema per il quale si consiglia una pulizia dopo i pasti con un panno di cotone umido)
  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina
  • Flatulenza (le classiche puzzette, spesso dovute a cattiva alimentazione)

Generalmente questi problemi non compromettono fortemente la salute del cane, ma solo tu conosci bene il tuo pet e se noti qualcosa di anormale o di cui non sei sicuro fallo controllare da un veterinario.

Assolutamente no, e la puzza potrebbe essere il segnale d’allarme che qualcosa non va nell’animale, o che ha problemi ormonali.

I problemi più comuni che riguardano il cattivo odore del cane sono:

  • Batteri nelle pieghe del muso (problema per il quale si consiglia una pulizia dopo i pasti con un panno di cotone umido)
  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina
  • Flatulenza (le classiche puzzette, spesso dovute a cattiva alimentazione)

Generalmente questi problemi non compromettono fortemente la salute del cane, ma solo tu conosci bene il tuo pet e se noti qualcosa di anormale o di cui non sei sicuro fallo controllare da un veterinario.

Dallo staff di cani piccoli

Questa razza è molto rara e forse non ti sarà facile trovare un cucciolo, ma ci sono tantissime razze di cani piccoli che potrebbero piacerti. Le troverai tutte sul nostro sito, con tantissime informazioni e curiosità.

Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it

* Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it