Skip to main content

Basenji (Cane del Congo)

Il Basenji

Carattere e Caratteristiche

Il Basenji è un cane di taglia medio piccola, con pelo corto e con una simpatica coda arricciata caratteristica della razza. E’ un animale elegante, di aspetto armonico e ben strutturato, con arti lunghi e flessibili che gli permettono di correre da alta velocità.

E’ intelligente e tenace, ed ha una caratteristica molto particolare: non abbaia! Ti racconteremo tutto quello che sappiamo sul Basenji nell’articolo a seguire.

Il Basenji (Cane del Congo) in breve

Buono con i bambini 47%
Amichevole con gli animali 40%
Protettivo 84%
Facile da addestrare 40%
Ha bisogno di esercizio 100%
Amichevole con gli sconosciuti 36%
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.

Il Basenji (Cane del Congo) in breve

Buono con i bambini 47%
Amichevole con gli animali 40%
Protettivo 84%
Facile da addestrare 40%
Ha bisogno di esercizio 100%
Amichevole con gli sconosciuti 36%
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
storia-basenji

Storia del Basenji

Il Basenji è un cane di tipo primitivo e compare addirittura su alcuni graffiti ritrovati in Africa, in particolare in Egitto, Mesopotamia e Babilonia. Alcuni dei reperti sono datati precedentemente al 6000 A.C.

Lo si credeva estinto, ma i Coloni Inglesi ne trovarono alcuni esemplari nella seconda metà del 1800 in alcune regioni tra il Congo e il Sudan del Sud, dove veniva utilizzato come cane da caccia dalle tribù pigmee, oppure come amuleto per scacciare gli spiriti maligni.

Era un cane veloce e silenzioso, ma capace di segnalare prede tra la boscaglia (che sapeva spingere nelle reti) e animali feroci. E sapeva resistere alle temperature più estreme.

Quella che fu difficile fu l’esportazione di questo cane dal Congo in Inghilterra: i primi tentativi fallirono miseramente, poiché questi animali non erano abituati al contatto con i virus occidentali e morivano facilmente, soprattutto di cimurro.

Fu solo negli anni ’30 che gli Inglesi riuscirono finalmente ad allevare questo splendido cane muto indigeno del continente Africano e a farlo conoscere in Europa. L’American Kennel Club lo ha invece riconosciuto solo nel 1944. Non è molto diffuso in Italia.

carattere basenji

Carattere del cane Basenji

Il Basenji è un cane intelligente, ma è anche molto testardo, indipendente e sicuro di sé, cosa che può rendere difficile l’addestramento, soprattutto per proprietari senza esperienza. Ha bisogno di fermezza e di tanta pazienza.

Pur essendo da quasi un secolo unicamente un cane da compagnia il Basenji mantiene parte delle attitudini del suo antenato, il cane selvatico del Congo, e tende a cacciare e a scappare facilmente, motivo per cui va sempre tenuto sotto controllo.

Si affeziona molto sia ai padroni che alla casa (al padrone addirittura in modo ossessivo), motivo per cui può diventare facilmente ostile verso gli sconosciuti. Non è aggressivo ma fa la guardia e protegge la proprietà, ed è un ottimo cane da guardia.

Ha un carattere piuttosto riservato e ha bisogno dei suoi tempi per potersi fidare di persone nuove, ma quando lo fa sa essere dolcissimo e affettuoso. Va educato a socializzare sin da cucciolo anche con altri animali.

Ha bisogno di molto movimento ed ama stare all’aperto, ma adora anche sentirsi fresco e pulito, per cui gradirà un buon bagno dopo una lunga camminata.

Gli piace molto stare al sole e odia il freddo, cosa plausibile visto che la razza ha origine in Africa. E odia la solitudine, è un animale un po’ introverso e caparbio ma ha bisogno di molta interazione o potrebbe chiudersi in sé stesso.

Come dicevamo, non abbaia per via di una particolare conformazione della laringe, ma emette dei guaiti particolari che ricordano uno jodel tirolese. Anche se tutti gli esemplari della razza non abbaiano, non tutti i Basenji emettono gli stessi suoni.

Curiosità sul Basenji

Il nome Basenji deriva dal Lingala, lingua locale nel nord Est del Congo, ma nei villaggi viene chiamato con molti altri nomi: “cane dei selvaggi”, “cane dei villaggi”, “cane dei cespugli” o “ango angari”. E’ comunemente conosciuto anche come Cane del Congo, oppure Congo Terrier.

I cani primitivi sono animali le cui razze hanno preservato le caratteristiche fisiche e di comportamento degli antenati nella preistoria. Tra questi figurano ad esempio i cani da slitta nordici e i cani di tipo Spitz (cani da caccia e cani da pastore) e tra questi le razze più conosciute sono il Basenji, il Pharaon Hound, il cane Peruviano, il Cirneco dell’Etna e il Cane Nudo Messicano.

L’autore James H. Street ha scritto nel 1951 un libro intitolato “Good-Bye, My Lady”, la storia di un ragazzo e del suo cane Lady of the Congo. Lo scrittore fu ispirato da una foto della famosa allevatrice di basenji Veronica Tudor Williams.

Nel 1956 uscì anche la versione cinematografica, e fu proprio Veronica a fornire dal suo allevamento il cane usato per la parte di Lady.

Morfologia e classificazione del Basenji

Standard ENCI & F.C.I.

  • Gruppo 5 Cani di tipo Spitz e tipo primitivo
  • Sezione 6 Tipo primitivo
  • Senza prova di lavoro

NB: questi sono gli standard fissati da FCI e ENCI e quindi validi per l’Europa. Standard di taglia, colore o manto diversi possono essere accettati da AKC e NKC. Per maggiori informazioni controlla gli standard del paese che ti interessa.

Le foto presenti in questo sito possono rappresentare sia gli standard FCI che quelli di AKC e NKC.

dimensioni basenji

Dimensioni

Questa razza Africana esiste in una taglia standard:

  • Basenji maschio: altezza al garrese 43 cm peso 11 kg
  • Basenji femmina: altezza al garrese 40 cm peso 9,5 kg

Tipo di pelo e mantello

Il mantello del Basenji è corto, fitto, liscio e fine.

colori basenji

Colori

Ci sono vari colori:

Puro nero e bianco, nero e tan, rosso e bianco, bianco con macchie a semi di melone color fuoco e con focature sul muso e guance; nero, tan e bianco, brindle con fondo rosso con strisce nere (le strisce devono essere il più nettamente definite).

Il bianco deve essere sui piedi, petto e punta della coda. Le zampe bianche, la stella e il collare bianco sono facoltative.

Testa

La testa del Basenji è rugosa quando le orecchie sono rialzate, soprattutto nel cane giovane, e le rughe gli danno un aspetto molto tipico. Il cranio è armonico, con stop leggero, tartufo nero e occhi a mandorla scuro. Gli orecchi sono piccoli, appuntiti ed eretti.

Corpo

Il corpo è ben proporzionato, corto e con costole ben cerchiate. Gli arti sono lunghi , dritti e flessibili.

Coda

La coda si arrotola sulla spina dorsale e appoggia sulla coscia formando un riccio singolo oppure doppio
vita basenji

Quanto vive un Basenji?

L’aspettativa di vita di un Basenji è di 12-16 anni, non male per un piccolo cane da caccia, ma se gli dedicherai il giusto tempo per fare attività fisica e te ne prenderai cura il tuo compagno vivrà molto più a lungo.

L’esemplare più vecchio registrato fino ad oggi ha vissuto 17 anni e mezzo.

Malattie del Basenji

Pur essendo una razza canina naturalmente forte e robusta grazie alla sua origine Africana il Basenji può soffrire di malattie ereditarie comuni a questi tipi di cani, oppure alle normali malattie del cane. Tra le più frequenti:

  • Otite, sordità congenita
  • Allergie alimentari e del pelo
  • Displasia dell’anca
  • Atrofia progressiva della retina
  • Sindrome di Fanconi (una patologia che impedisce il riassorbimento di glucosio, bicarbonati, aminoacidi, fosfati ed altri elettroliti)
  • Deficit di piruvato chinasi (patologia che influenza la sopravvivenza dei globuli rossi e provoca insufficienza renale)
  • Ipotiroidismo
  • Cataratta

Cosa mangia il Basenji

I  Basenji sono cani molto attivi e come tutti i cani da caccia non hanno una naturale tendenza da ingrassare, ma la mancata attività fisica può essere causa di aumento di peso indesiderato. Ci sarà la necessità di fare attenzione a cosa dare da mangiare al proprio cane, al fine di evitare problemi futuri quali obesità, diabete e colesterolo.

Alimentazione dei primi mesi

Lo svezzamento del Basenji inizia verso le 4 settimane di età. A partire dal primo mese di vita si potrà iniziare ad inserire del mangime specifico premium per cuccioli o della carne macinata fine, iniziando con un pasto al giorno in combinazione con il latte materno.

A partire dal secondo mese i pasti a base di cibo solido dovranno essere somministrati circa 3/4 volte al giorno, e tre dal secondo mese di vita.

Alimentazione del Basenji

Trattandosi di un cane di taglia piccola è preferibile somministrare due pasti al giorno e non lasciarlo affamato troppo tempo. I pasti devono essere bilanciati e contenere il giusto apporto di proteine, carboidrati, grassi e minerali.

Il cibo secco (crocchette per cani)

Generalmente si preferisce optare per cibo secco di buona qualità, ma è importante attenersi alle dosi consigliate per peso ed età. E scegliere un prodotto studiato appositamente per cani di piccola taglia e con le caratteristiche giuste per la razza (in commercio se ne trovano addirittura alcune varietà specifiche per i cani tipo spitz).

Ricordati di controllare sempre gli ingredienti e soprattutto l’apporto di vitamine e minerali, fondamentali per mantenere in forma i nostri animali. L’utilizzo del cibo umido come unica alternativa è sconsigliabile, ma se ne può aggiungere una piccola quantità per rendere più gradevole il cibo secco.

LA DIETA CASALINGA PER CANI

Se invece non fossi a favore dell’utilizzo di cibo secco e volessi preparare in casa una buona pappa fresca per il tuo cane la scelta ideale ricade su prodotti primari da somministrarsi prevalentemente bolliti.

Cibi permessi

  • Carne
  • Interiora
  • Pesce
  • Cereali
  • Frutta e verdura adatta al cane
  • Solo occasionalmente uova e un po’ di formaggio.

Cibi vietati

  • Dolci
  • Prodotti da forno
  • Cibi grassi e unti
  • Ossa tubolari
  • Cibo speziato e affumicato
  • Cipolla e aglio
  • Funghi
  • Avocado

Ma è importante ricordare che per dieta casalinga non si intende avanzi di cucina, ma cibo appositamente preparato per il cane, che potrà essere congelato per utilizzo giornaliero o quando necessario.

Un misto bilanciato di proteine, carboidrati e verdure (50% – 25% -25%) e un buon multivitaminico sono alla base di qualunque cibo casalingo per il cane, in combinazione con un buon supplemento di glucosamina e omega 3.

La quantità dei componenti del cibo può variare ma la parte maggiore deve sempre essere composta dalle proteine animali, che sono alla base di una corretta alimentazione.

Per maggiori informazioni su come alimentare correttamente il tuo cane con cibo casalingo puoi attenerti ai suggerimenti presenti nella nostra guida: “La dieta casalinga per il cane”. Si consiglia comunque di rivolgersi sempre a un veterinario nutrizionista.

Il cane è un animale molto abitudinario quando si tratta di cibo, quindi è meglio scegliere una dieta quando è cucciolo e non cambiarla successivamente, o almeno non troppo spesso, e cambiare sempre molto gradualmente.

basenji

Sverminazione del Basenji

E’ importante ricordarsi di sverminare periodicamente sia i cani cuccioli che gli esemplari adulti, in particolare se adottati da rifugi, canili o da privati.

Il Basenji è un cane molto attivo e ama molto girovagare, per cui meglio tenerlo controllato periodicamente. Scegli un vermifugo per cani indicato al peso e all’età del tuo cane.

Altri consigli per mantenere in forma il tuo Basenji

Profilassi per zecche e pulci

Il cane del Congo richiede passeggiate frequenti e adora uscire e scorrazzare in mezzo al verde e soprattutto scavare.

Ma questa grande energia potrebbe avere un prezzo, per cui se vivi in zone a rischio, si consiglia di effettuare regolarmente la profilassi per pulci e zecche.

E di fare molta attenzione alle spighe di forasacco. E’ una razza a pelo corto ma le spighe si infilano facilmente negli occhi, nel naso e negli orecchi.

Taglio delle unghie

Anche se il cane esce poco, le unghie vanno accorciate regolarmente per evitare che il tuo amico si faccia male quando corre.

Pulizia delle orecchie

Il Basenji è un cane predisposto a otiti e infezioni del canale auricolare. La pulizia delle orecchie è necessaria per evitare odori sgradevoli o patologie quali:

  • Otoacarasi
  • Otiti batteriche
  • Otiti micotiche
  • Catarro auricolare
  • Otiti da corpo estraneo

Pulizia dei denti

Anche la pulizia dentale è molto importante, poiché una scarsa igiene orale può essere responsabile di gravi disturbi quali:

  • Gengivite
  • Stomatite
  • Parodontite
  • Tumori della bocca
  • Alitosi

Effettuare una pulizia dei denti quotidiana può essere un compito alquanto difficile, ma meglio provarci per evitare perdita di denti in giovane età o costose pulizie sotto sedazione. Ci vuole tempo ma si può fare.

Potrai trovare in vendita, oltre ai modelli classici, anche guanti per il dito con piccole setole o spazzolini che puliscono contemporaneamente arcata interna ed esterna, e vari gusti di dentifricio enzimatico specifico per il tuo pet!

Mantenere la bocca pulita almeno una volta ogni due giorni ti aiuterà ad avere un cane allegro e in salute.

Ghiandole perianali

Ricordati di controllare periodicamente lo stato delle ghiandole perianali per evitare  situazioni quali:

  • Ascesso dei sacchi anali
  • Tumori (adenomi e adenocarcinomi)
  • Infezioni batteriche atipiche
  • Micosi

Saprai che è il momento di svuotare le ghiandole quando il cane inizierà a strusciare l’ano sul pavimento, si gratterà o leccherà ripetutamente le zone in questione o ha cattivo odore.

Sterilizzazione

Sterilizzare il tuo amico a quattro zampe può evitare seri problemi: la femmina, se operata prima del primo calore, rischierà molto meno di sviluppare tumori maligni delle mammelle, mentre il maschio sarà meno aggressivo e meno propenso alla fuga.

Il Basenji tende a scappare e la mancata sterilizzazione potrebbe accentuare il problema.

Per chi è adatto il Basenji

E’ adatto a proprietari che sappiano provvedere una corretta educazione: per la formazione caratteriale del basenji serve tanta pazienza, ma anche molta fermezza.

Per persone che ne accettino il carattere un po’ riservato: non è la classica razza che dimostra affetto e amore tutto il tempo nemmeno ai familiari. E a chi è in grado di gestire il rapporto tra il cane e i bambini, che devono rispettare gli spazi dell’animale e non essere troppo irruenti.

Per chi ha tempo da dedicargli e può portarlo a passeggiare in spazi aperti. Vanno bene anche le brevi passeggiate in città ma il cane del Congo in origine era un cane da caccia e un grande corridore, per cui avrà bisogno di sfogare tantissima energia repressa.

Per chi non è adatto il Basenji

Per chi cerca un cane tutto coccole e divano da tenere in appartamento: per quello ci sono razze diverse, ad esempio il French Bulldog o il Bichon Frisé.

Per chi è alle prime armi e non sappia gestire un cane con una personalità forte e un po’ testardo.

Per chi ha gatti, poiché è un cane da preda e potrebbe attaccare. E per chi ha a che fare spesso con sconosciuti, poiché è un cane da guardia e non gradisce aver a che fare con gli intrusi.

Domande Frequenti

Quanto costa un Basenji?

il prezzo di un cucciolo di Basenji di razza pura, con pedigree e acquistato in un allevamento serio è di circa 1200-2000 Euro.

Evita di comprare cani che provengano da un allevamento Extra CEE, acquista solo in Italia o in un paese in Europa dove vengano garantiti tutti i test per le malattie genetiche. O cani con un prezzo troppo al di sotto della media.

Il Basenji perde pelo?

Il Basenji non perde molto pelo, poiché ha un sottopelo molto corto. Basterà spazzolare con cura e lavarlo quando necessario per ridurre il problema al minimo.

Se però stai cercando una razza che non perda pelo, meglio scegliere un Maltese, un Barboncino o un Bolognese, ovvero razze a perdita zero.

Il Basenji puzza?

Assolutamente no, anzi, tutto il contrario, gli piace essere pulito e adora fare il bagno! La puzza potrebbe quindi essere il segnale d’allarme che qualcosa non va nell’animale.

I problemi più comuni che riguardano il cattivo odore del cane sono:

  • Batteri nelle pieghe del muso (problema per il quale si consiglia una pulizia dopo i pasti con un panno di cotone umido)
  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina
  • Flatulenza (le classiche puzzette, spesso dovute a cattiva alimentazione)

Solitamente questi problemi non richiedono la visita da un veterinario, ma solo tu conosci bene il tuo pet e se noti qualcosa di anormale o di cui non sei sicuro fallo controllare da un veterinario.

Come toelettare un Basenji

Per questa razza non c’è molto da fare, basteranno un buon bagno e una spazzolata ogni tanto per far felice il tuo fedele quattrozampe.

Inizia sempre spazzolando bene il cane per rimuovere le impurità dal pelo, soprattutto se è un’operazione che non si fa quotidianamente.

Inserisci delle palline di cotone nelle orecchie del cane per evitare che ci entrino acqua o schiuma.

Dovrai poi lavare bene il cane con uno shampoo specifico, risciacquare bene e ammorbidire il pelo con un balsamo condizionatore (importante: usa esclusivamente prodotti per cani e non per umani!). Attenzione a occhi e orecchie.

Tampona bene il cane con un asciugamano asciutto, meglio se tiepido, e rimuovi tutta l’acqua in eccesso. Asciuga bene con il phon non troppo caldo.

Anche se ha il pelo corto non lasciarlo bagnato, il Basenji odia il freddo e potrebbe ammalarsi.

Come addestrare un Basenji?

Con molta pazienza e iniziando fin da cucciolo, e servendoti di Snack in combinazione con il classico clicker, non indispensabile ma che può essere di aiuto almeno all’inizio. E con un guinzaglio ovviamente.

Inizia con i comandi di base quali

  • Seduto
  • A terra
  • Vieni
  • Stop o Fermo

Non addestrarlo per più di 30 minuti, potrebbe perdere interesse e sarebbe difficile convincerlo a ritentare il giorno dopo!

Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it

* Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments