Skip to main content

Alaskan Klee Kai

Alaskan Klee Kay

Carattere e Caratteristiche

La razza Alaskan Klee Kai fa parte della famiglia degli Alaskan Huskies. E’ stata selezionata con l’intento di riprodurre una versione ridotta dell’Alaskan Husky, in modo da poterla rendere adattabile alla vita in appartamento e con lo scopo di farne un cane da compagnia.

Questo cane è un Siberian Husky in miniatura: mantiene inalterato il classico aspetto del cane siberiano e lo stesso carattere di antenati famosi quali il cane Alaskan Husky. Ma vediamo di conoscere un po’ più a fondo questa nobile razza canina.

Il Alaskan Klee kai in breve

Buono con i bambini 30%
Amichevole con gli animali 25%
Protettivo 85%
Facile da addestrare 40%
Ha bisogno di esercizio 95%
Amichevole con gli sconosciuti 40%
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.

Il Alaskan Klee kai in breve

Buono con i bambini 30%
Amichevole con gli animali 25%
Protettivo 85%
Facile da addestrare 40%
Ha bisogno di esercizio 95%
Amichevole con gli sconosciuti 40%
Alcuni dei link in questo articolo potrebbero essere affiliati a terze parti. Nel caso di un acquisto da parte tua direttamente sul sito riceverò un piccolo compenso dal venditore, ma a te non costerà nulla. Alcuni sono prodotti che ho testato e apprezzato personalmente, altri sono stati provati da migliaia di clienti che li hanno valutati per noi. Tutto quello che proponiamo in questo sito è stato pensato per aiutarti a migliorare il tuo rapporto con Fido e speriamo di esserci riusciti. Questo sito non intende dare consigli medici o sostituire il parere di esperti di settore, è stato pensato solo come forma di intrattenimento per gli amanti dei cani. Se vuoi saperne di più puoi leggere le informazioni contenute nel rapporto di modalità, gestione e trattamento dei dati personali degli utenti.
storia akk

Storia della razza Alaskan Klee Kai

La nascita dell’Alaskan Klee Kai è del tutto accidentale: fu infatti una signora di nome Linda S. Spurlin, nei primi anni ’70, a dare origine alla prima genealogia di Alaskan Klee Kai.

Durante una visita dai parenti in Oklahoma vide tra gli altri animali domestici una cagnolina di razza Alaskan Husky di nome Curious, di circa 8 kg. Era piccola ma aveva l’aspetto e il temperamento degli altri Husky standard. La signora adottò il cane all’istante e lo portò con sé in Alaska.

Si rese conto quasi subito che il cane attirava istantaneamente le simpatie di tutti e che la gente si fermava spesso a guardarlo. A quel punto decise di risalire alle origini di Curious e scoprì che era il frutto di un accoppiamento accidentale tra un cane piccolo e un Alaskan Husky (che è una razza diversa dal Siberian Husky, per chi se lo fosse chiesto, si somigliano ma ci sono varie differenze tra le due!)

Iniziò così a sua volta a selezionare una nuova linea di sangue e a creare incroci tra esemplari di Spitz Americano e Husky.

I parenti in Oklahoma fecero la stessa cosa, ma smisero dopo poco tempo perché incapaci di scartare i cuccioli che non avessero le giuste caratteristiche, mentre Linda Spurlin, impietosamente, portò avanti un allevamento selettivo e finalizzato a perfezionare la genealogia dei futuri Alaskan Klee Kai.

Fu nell’86 che questo simpatico mini Husky iniziò a riscuotere i favori del pubblico, ma Linda decise di non essere pronta a metterlo sul mercato e aspettò altri due anni prima di vendere il primo dei suoi 30 esemplari di Alaskan Klee Kais.

Da allora le richieste non smisero di arrivare. Venne scelto il nome di Alaskan Klee Kai in onore alle origini del cane (Klee Kai in lingua Inuit significa cagnolino, Alaskan ovviamente perché è in Alaska che nasce la razza).

Nel 1988 Linda S. Spurlin decise di fondare il primo Alaskan Klee Kai Kennel Club per permettere ai suoi esemplari di essere riconosciuti dal Kennel Club Americano.

Fu però nel 1995 che decise di chiudere il suo allevamento, perché la veloce diffusione della razza e l’allevamento da parte di altri allevatori meno coscienziosi non garantiva la selezione ideale per i futuri esemplari, e non rispettava le idee che aveva in merito allo sviluppo della specie.

La razza Alaskan Klee Kai continua a crescere, fino al riconoscimento nel 1996 da parte dell’ARBA (American Rare Breed Association) e successivamente dello United Kennel Club.

Gli standard sono ancora in evoluzione e la razza Alaskan Klee Kai conta meno di 2000 esemplari unici.

carattere akk

Carattere del cane Alaskan Klee Kai

Iniziamo dicendo che non è il classico cane da compagnia e ha un carattere particolare: nonostante le piccole dimensioni condivide lo stesso temperamento indipendente di cani quali Alaskan Husky, Siberian Husky e Spitz Americano, per cui potrebbe non essere consigliato a padroni alle prime armi.

Ha un carattere piuttosto schivo, non ama relazionarsi con altri animali e ancor meno con le persone, familiari a parte. Non parliamo poi dei gatti o di altri piccoli animali domestici, che vede semplicemente come prede, e che di conseguenza tende ad attaccare. Purtroppo non è particolarmente compatibile nemmeno con i bambini.

Sfortunatamente non sa di non avere dimensioni standard e attacca anche animali più grandi: non ha paura di nulla, è audace e coraggioso e sicuro di sé fino all’eccesso. Nessuna sfida è troppo grande per lui. Ed è anche un buon cane da guardia, come i suoi antenati della classe operaia dei paesi del Nord.

Si annoia facilmente, motivo per cui ha bisogno di fare molto esercizio, e non parliamo di un paio di giretti intorno a casa: questo animale deve sfogare tutta la sua energia residua o potrebbe sviluppare comportamenti distruttivi. Giochi di agility e Dog Sports potrebbero essere la soluzione ideale per mantenerlo tranquillo.

La presentazione iniziale non sembra fargli onore, ma la personalità di questo grazioso cagnolino ha anche molti lati buoni: quando si affeziona a una persona darebbe la vita per proteggerla, ed è estremamente devoto, leale e affettuoso. I tratti difficili della sua personalità si possono addolcire con un buon addestramento, ma tratteremo l’argomento a seguito.

Non è un grande abbaiatore ma sa farsi capire, e quando lo fa non solo abbaia piuttosto rumorosamente, ma sa anche ululare, tratto tipico dei cani artici e delle razze primitive.

Caratteristiche del cane Alaskan Klee Kai

Dalla sua ha le dimensioni che lo distinguono dai suoi antenati Alaskan Husky, Alaskan Eskimo Dog, Spitz Americano e Schipperke, ma viene spesso confuso per un Siberian Husky cucciolo. Ci sono parecchie differenze tra queste razze, e ti spiegheremo come riconoscere il piccolo Alaskan Klee Kai.

Standard di ENCI FCI

La razza non è riconosciuta in Europa ma solo dall’American Kennel Club.

dimemsioni akk

Dimensioni

Ci sono tre dimensioni:

  • Alaskan Klee Kai Toy, altezza al garrese meno di cm 33, peso kg 3-4,5
  • Alaskan Klee Kai Miniature altezza al garrese cm 33-38, peso kg 4,5-7
  • Alaskan Klee Kai Standard altezza al garrese 38-43 cm, peso kg 7-10

Tipo di pelo e mantello

Il mantello è doppio, denso e fitto, come quello di tutti i cani artici. Quello esterno è dritto, mediamente morbido, e il sottopelo è soffice e sufficientemente lungo da supportare quello esterno. E’ ben distribuito su tutto il corpo.

colori akk

Colori

Il mantello deve avere colori chiari e scuri in netto contrasto.

I colori sono:

  • bianco e nero
  • bianco e grigio
  • bianco e rosso

Il bianco è il colore di contrasto preferito e deve essere presente nelle seguenti aree: interno delle orecchie, parte inferiore del muso e mascella, lati del muso, guance, gola, petto, addome zampe, piedi, attorno al ventre e sul lato della coda. Anche la maschera deve essere ben definita.

Testa

Di dimensione media e con colori marcati. Gli occhi sono a mandorla, marroni o blu e spesso di colori diversi. Le orecchie sono erette e a triangolo. Il tartufo può essere scuro o rosso in base al colore del mantello.

Corpo

Dritto e moderatamente muscoloso, atletico e slanciato.

Coda

Attaccata più in basso rispetto alla linea del dorso e leggermente arricciata quando i cani sono in movimento.
vita akk

Quanto vive un Alaskan Klee Kai

L’Alaskan Klee Kai ha una buona aspettativa di vita: la vita media è infatti di 13-15 anni. Ovviamente quello che farà la differenza saranno le cure e l’amore del padrone.

Malattie del Klee Kai

Il Klee Kai è un cane naturalmente in salute, ma può soffrire di malattie ereditarie comuni a questi tipi di cani o alle normali malattie del cane. Tra le più frequenti:

  • Otite, sordità congenita
  • Allergie alimentari e del pelo
  • Malattia di Von Willebrand (patologia emorragica)
  • Ipotiroidismo
  • Criptorchidismo (mancata discesa dei testicoli)
  • Problemi cardiaci
  • Lussazione della rotula
  • Displasia dell’anca

Cosa mangia un Alaskan Klee Kai

Questa razza, pur essendo golosa, non tende a mettere peso perché è sempre in movimento. Purtroppo da quando è diventato un cane da compagnia il Klee Kai di movimento ne fa molto meno e potrebbe quindi ingrassare e soffrire di problemi quali obesità, diabete e colesterolo.

Alimentazione del cucciolo

Lo svezzamento del cucciolo di Alaskan Klee Kai inizia verso le 4 settimane di età. A partire dal primo mese di vita si potrà iniziare ad inserire del mangime specifico per cuccioli o della carne macinata fine, iniziando con un pasto al giorno in combinazione con il latte materno.

Tra il primo e il secondo mese i pasti a base di cibo solido dovranno essere somministrati circa 3/4 volte al giorno, e tre a partire dal secondo mese di vita.

Alimentazione degli Alaskan Klee Kais

Trattandosi di un cane di taglia piccola è consigliabile somministrare più pasti al giorno per evitare che soffra la fame per troppe ore e inizi a dare fastidio ai membri della famiglia. I pasti devono essere bilanciati e contenere il giusto apporto di proteine, carboidrati, grassi e minerali.

Il cibo secco (crocchette per cani)

La scelta più facile è optare per cibo secco di buona qualità, attenendosi alle dosi consigliate per peso ed età. Vanno bene sia quelli per cani nordici che per gli Spitz, ma attenzione alla dimensione delle crocchette che devono essere piccole.

Ricorda di controllare sempre gli ingredienti e soprattutto l’apporto di vitamine e minerali, indispensabile per mantenere in forma i nostri cani. L’utilizzo del cibo umido come unica alternativa è sconsigliabile, ma se ne può aggiungere una piccola quantità per rendere più gradevole il cibo secco.

LA DIETA CASALINGA PER CANI

Se invece fossi a favore di una dieta meno industriale e volessi preparare saporiti pasti per il tuo Klee Kai , la scelta ideale per la preparazione di cibo casalingo ricade su prodotti primari da somministrarsi prevalentemente bolliti.

Cibi permessi

  • Carne
  • Interiora
  • Pesce
  • Cereali
  • Frutta e verdura adatta al cane
  • Solo occasionalmente uova e un po’ di formaggio.

Cibi vietati

    • Dolci
    • Prodotti da forno
    • Cibi grassi e unti
    • Ossa tubolari
    • Cibo speziato e affumicato
    • Cipolla e aglio
    • Avocado
    • Funghi

 

 

E’ importante ricordare che per dieta casalinga non si intendono gli avanzi di cucina, ma cibo appositamente preparato per il cane, che potrà essere congelato per utilizzo giornaliero o quando necessario.

Un misto di proteine, carboidrati e verdure (50% – 25% -25%) e un buon multivitaminico sono alla base di qualunque cibo per il cane che dovrai preparare, insieme a un supplemento di glucosamina e omega 3.

Come tutti i cani nordici anche questo cane nato in Alaska ha bisogno di una dieta che ricordi quella primitiva a base di carne e pesce.

Le quantità dei componenti della preparazione casalinga possono variare ma la parte maggiore deve sempre essere composta dalle proteine, che sono alla base di una corretta alimentazione.

Per maggiori informazioni su come alimentare correttamente il tuo cane con cibo casalingo puoi attenerti ai suggerimenti presenti nella nostra guida: “La dieta casalinga per il cane”. Si consiglia comunque di rivolgersi sempre a un veterinario nutrizionista.

Il cane è un animale molto statico quando si tratta di dieta, quindi è meglio sceglierne una dall’inizio e non cambiare successivamente le abitudini del cane.

cura akk

Sverminazione del Klee Kai

E’ importante ricordarsi di sverminare periodicamente sia i cani cuccioli che gli esemplari adulti, in particolare se adottati da rifugi, canili o da privati.

Gli Alaskan Klee Kais hanno un’innata curiosità e un alto livello di energia e come le razze da guardia e da caccia tendono a girovagare e a contrarre parassiti. Scegli un vermifugo per cani indicato al peso e all’età del tuo cane.

Altri consigli per mantenere in forma il tuo Alaskan Klee Kai

Profilassi per zecche e pulci

Il Klee Kai deve essere portato a camminare più volte al giorno e deve correre all’aperto ogni volta che può. Per questo motivo, se vivi in zone a rischio, si consiglia di effettuare regolarmente la profilassi per pulci e zecche.

E di fare molta attenzione alle spighe di forasacco, uno dei fattori di maggior rischio durante la passeggiata quotidiana.

Taglio delle unghie

Anche se il cane esce poco, le unghie vanno accorciate regolarmente per evitare che il tuo amico si faccia male quando corre.

Pulizia delle orecchie

Il Kee Klai è predisposto a infezioni del canale auricolare e sordità. La pulizia delle orecchie è indispensabile per evitare odori sgradevoli o patologie quali:

  • Otoacarasi
  • Otiti batteriche
  • Otiti micotiche
  • Catarro auricolare
  • Otiti da corpo estraneo

Pulizia dei denti

Anche la pulizia dentale è molto importante, poiché una scarsa igiene orale può essere responsabile di gravi disturbi quali:

  • Gengivite
  • Stomatite
  • Parodontite
  • Tumori della bocca
  • Alitosi

Pur essendo un’operazione complicata sarebbe meglio effettuare una pulizia dei denti quotidiana per evitarne la perdita in giovane età o costose pulizie sotto sedazione.

Potrai trovare in vendita, oltre ai modelli classici, anche spazzolini tipo guanto che si infilano sulle dita o spazzolini che puliscono contemporaneamente arcata interna ed esterna, e vari gusti di dentifricio enzimatico specifico per il tuo pet!

Mantenere la bocca pulita almeno una volta ogni due giorni ti aiuterà ad avere un cane allegro e in salute.

Ricordati di somministrare uno snack per la pulizia dei denti quotidianamente, in commercio se ne trovano tantissimi di gusti e forme diverse.

Ghiandole perianali

Ricordati di controllare periodicamente lo stato delle ghiandole perianali per evitare situazioni quali:

  • Ascesso dei sacchi anali
  • Tumori (adenomi e adenocarcinomi)
  • Infezioni batteriche atipiche
  • Micosi

Ti accorgerai quando è il momento perché il cane inizierà a strusciare l’ano sul pavimento, si gratta o lecca ripetutamente ed ha cattivo odore.

Sterilizzazione

Sterilizzare il tuo Alaskan Klee Kai può metterlo al sicuro da futuri problemi: la femmina, se operata prima del primo calore, rischierà molto meno di sviluppare tumori maligni delle mammelle, mentre il maschio sarà meno aggressivo e meno propenso alla fuga.

Nel caso di questa razza è un argomento importante, poiché gli Alaskan Klee Kais tendono ad essere aggressivi con gli altri cani e altri animali, anche le razze grandi, e questo può metterli in pericolo, soprattutto se sono Toy o Miniatura.

Per chi è adatto l’Alaskan Klee Kai

Sicuramente per un padrone che prende sul serio il fatto di dover impartire un buon addestramento già da cucciolo: questa razza abbaia, scappa e può diventare aggressiva, quindi le cose potrebbero facilmente sfuggire di mano!

Per chi ha tempo da dedicare all’attività fisica, deve farne molta.

Per gli amanti dei cani da slitta con la casa piccola, poiché questo è a tutti gli effetti un Husky in miniatura.

Per chi non è adatto il cane Alaskan Klee Kai

Per chi non ha tempo di educarlo e di portarlo a correre.

Per chi ha bambini e altri animali domestici, poiché è irruento e sempre in cerca di prede nuove prede da inseguire e cacciare.

Se hai gatti testalo prima di adottarlo, anche gli animali più difficili possono essere abituati ad una convivenza pacifica, ma meglio ridurre al minimo la possibilità di dover riportare il cucciolo al mittente per incompatibilità di carattere con gli altri animali di casa.

Domande Frequenti

Quanto costa un Alaskan Klee Kai cucciolo?

Essendo tra le razze non riconosciute in Europa Gli Alaskan Klee Kais non si trovano facilmente e hanno un discreto costo. Un cucciolo di Klee Kai ha un prezzo di vendita di circa 1200-2000 Euro.

Il prezzo può variare parecchio ma attenzione, il fatto che questo piccolo cane Inuit sia raro in Italia non vuol dire che tu lo debba pagare a peso d’oro, quindi se il prezzo ti sembra esagerato rivolgiti a un altro allevamento.

Il Klee Kai perde pelo?

Si, come tutti i cani nordici. Fa la muta stagionalmente e perde molto pelo.

Il Klee Kai puzza?

Generalmente no, a meno che non sia davvero sporco, e la puzza potrebbe essere il segnale d’allarme che qualcosa non va nell’animale.

Sembra però tenda ad avere l’alito cattivo, quindi pulisci sempre i denti e premialo con uno snack versione dental, magari alla menta.

I problemi più comuni che riguardano il cattivo odore del cane sono:

  • Batteri nelle pieghe del muso (problema per il quale si consiglia una pulizia dopo i pasti con un panno di cotone umido)
  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina
  • Flatulenza (le classiche puzzette, spesso dovute a cattiva alimentazione)

Generalmente questi problemi non richiedono la visita da un veterinario, ma solo tu conosci bene il tuo pet e se noti qualcosa di anormale o di cui non sei sicuro fallo controllare da un veterinario.

Come toelettare un Klee Kai?

Si inizia sempre spazzolando bene il cane per rimuovere tutti i nodi dal pelo, soprattutto se è un’operazione che non si fa di frequente (ma che andrebbe fatta visto che il pelo si annoda facilmente! Inoltre la spazzolatura aiuta a distribuire gli oli naturali sul mantello).

Inserisci delle palline di cotone nelle orecchie del cane per evitare che ci entrino acqua o schiuma.

Dovrai poi lavare bene il cane con uno shampoo specifico, risciacquare bene e poi ammorbidire il pelo con un balsamo condizionatore (importante: usa esclusivamente prodotti per cani e non per umani!). Attenzione a occhi e orecchie.

Tampona bene il cane con un asciugamano asciutto, meglio se tiepido, e rimuovi tutta l’acqua in eccesso. Asciuga bene con il phon non troppo caldo.

Inizia a spuntare zampe e corpo e poi passa alla testa. Attenzione ai punti sensibili (occhi, orecchie, interno delle dita, zona intorno ai genitali).

Questa razza non va mai tosata. Si potrà accorciare il pelo leggermente o regolarlo un po’ ma non tagliarlo mai, serve a Fido per regolare la temperatura corporea.

Come si addestra un Klee Kai?

Con molta pazienza e iniziando fin da cucciolo. Premialo con piccoli snack in combinazione con il classico clicker. E con un guinzaglio e pettorina che ovviamente porterai sempre con te.

Inizia con i comandi di base quali

  • Seduto
  • A terra
  • Vieni
  • Stop o Fermo

Potrai insegnargli i comandi di base a casa e poi quelli in movimento all’aperto.

E’ un cane un po’ ribelle, per cui non protrarre l’addestramento oltre i 30 minuti giornalieri e non sgridarlo se sembra opporre resistenza all’inizio.

Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it

* Accetto di ricevere informazioni su novità, prodotti e offerte da canipiccoli.it
0 0 votes
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments